Gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina aumentano i rischi per gli anziani


Le persone anziane che assumono antidepressivi di nuova generazione sono più a rischio di morire o di soffrire di una serie di gravi condizioni, tra cui l'ictus, le cadute, le fratture e le crisi epilettiche.

La ricerca, pubblicata sul British Medical Journal, ha scoperto che gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina ( SSRI ) sono maggiormente associati a un aumentato rischio di esiti avversi nelle persone di età superiore ai 65 anni con depressione, rispetto ai vecchi antidepressivi triciclici ( TCA ).

Secondo gli Autori i rischi e i benefici di diversi antidepressivi devono essere attentamente valutati quando vengono prescritti ai pazienti anziani.

I ricercatori hanno trovato prove che i più vecchi antidepressivi triciclici potrebbero essere associati a più bassi rischi di diversi esiti avversi rispetto ai più recenti antidepressivi nelle persone anziane con diagnosi di depressione.

La depressione è una condizione comune nelle persone anziane e gli antidepressivi SSRI, in particolare, sono ampiamente utilizzati. Tuttavia, si sa molto poco circa la sicurezza di questi farmaci nelle persone anziane.

Ricercatori dell’University of Nottingham e dell’University of East Anglia hanno studiato la potenziale correlazione tra trattamento antidepressivo ed il rischio di esiti potenzialmente pericolosi per i pazienti anziani.

Sono stati identificati 60.746 pazienti nel Regno Unito di età uguale o superiore a 65 anni e più con un episodio di nuova diagnosi di depressione tra il 1996 e il 2007 utilizzando il database di cure primarie QResearch.
Molti pazienti presentavano altre condizioni, come le malattie cardiache e il diabete mellito, e stavano assumendo diversi farmaci.

I pazienti sono stati monitorati fino alla fine del 2008.
Durante questo periodo, l'89% ( n=54.038 ) ha ricevuto almeno una prescrizione di un antidepressivo, per un totale di 1.398.359 prescrizioni di antidepressivi.
Di questi il 57% erano rappresentati dagli SSRI, il 31% da triciclici, lo 0.2% dagli inibitori della monoamino-ossidasi ( MAO ) e il 13.5% da altri antidepressivi.

L’uso di antidepressivi è stato poi analizzato nei confronti di diversi esiti avversi tra cui mortalità per qualsiasi causa, tentato suicidio o autolesionismo, infarto miocardico, ictus, cadute, fratture, epilessia o convulsioni e iponatriemia.

Dopo aggiustamento per fattori che potrebbero influenzare i risultati, quali l'età, il sesso, la gravità della depressione, altre malattie e l'uso di altri farmaci, i Ricercatori hanno scoperto che gli SSRI e i farmaci nel gruppo altri antidepressivi erano associati a un aumentato rischio di esiti avversi, rispetto ai triciclici.

I pazienti trattati con SSRI hanno presentato una maggiore probabilità di morire, di andare incontro a un ictus, una caduta o una frattura, di soffrire di epilessia o avere crisi epilettiche, e di avere bassi livelli plasmatici di sodio, rispetto agli antidepressivi triciclici.
Il gruppo di altri antidepressivi erano associati a un aumentato rischio di mortalità, tentato suicidio o di autolesionismo, ictus, fratture, epilessia o convulsioni.

I pazienti nello studio avevano un rischio del 7% di morire nell’arco di 1 anno, mentre non stavano assumendo antidepressivi, mentre i rischi analoghi sono stati dell’8.1% durante l'assunzione di antidepressivi triciclici, 10.6% per gli SSRI e 11.4% per il gruppo di altri antidepressivi.
Per l’ictus, i rischi a 1 anno sono stati del 2.3%, 2.6% e del 3.0% ( rispetto al 2.2% quando non erano in trattamento con gli antidepressivi ) e per la frattura erano pari al 2.2%, 2.7% e del 2.8% rispetto all’1.8%.

Tra i singoli farmaci, il Trazodone ( Desyrel, Trittico ), Mirtazapina ( Remeron ) e la Venlafaxina ( Efexor, Effexor ) erano associati al più alto rischio per alcuni eventi avversi.

L’incidenza degli esiti avversi era più alta nei 28 giorni dopo l'inizio dell’assunzione dell’antidepressivo e anche nei 28 giorni dopo l'interruzione. ( Xagena2011 )

Fonte: University of Nottingham, 2011


Psyche2011 Neuro2011 Cardio2011 Farma2011

Altri articoli

Iponatriemia farmaco-indotta

TGA ( Therapeutic Goods Administration ) continua a ricevere segnalazioni di iponatriemia in associazione a diversi farmaci.La grave iponatriemia è... ... leggi