Impatto degli autoanticorpi contro i peptidi citrullinati, carbamilati e acetilati sulla progressione radiografica nei pazienti con artrite reumatoide di nuova insorgenza


Una gamma di anticorpi anti-proteine ​​modificate ( AMPA ) è associata all'artrite reumatoide.
È stata valutata la relazione tra i profili AMPA e la progressione radiografica nei pazienti con artrite reumatoide di nuova insorgenza.

In uno studio di coorte, sono stati ottenuti campioni e dati dalla coorte e dalla biobanca Scottish Early Rheumatoid Arthritis ( SERA ), che ha reclutato pazienti con artrite reumatoide di nuova insorgenza o artrite indifferenziata che avevano almeno un'articolazione gonfia da 20 ospedali in tutta la Scozia.
Gli AMPA nei campioni di plasma sono stati misurati mediante ELISA al basale.

Le radiografie accoppiate delle mani e dei piedi sono state effettuate al basale e a 1 anno e sono state valutate con il metodo Sharp-van der Heijde ( SvH ). Sono state calcolate le differenze nella progressione radiografica utilizzando le variazioni medie marginali stimate tra il basale e 1 anno, con i valori basali di variabili radiografiche, fattore reumatoide, sesso, età al reclutamento, durata dei sintomi, e DAS28 ( Disease Activity Score 28 ) con proteina C reattiva ( PCR ) inclusi come covariate.

Tra il 2011 e 2015, 1.073 pazienti sono stati reclutati per lo studio SERA. 362 pazienti con artrite reumatoide sono stati inclusi nello studio e sono stati determinati i loro profili AMPA.

I pazienti sono stati raggruppati in quattro principali profili di autoanticorpi per reattività alle modificazioni post-traduzionali: singola positività per gli anticorpi anti-peptidi citrullinati ( ACPA; 73, 20% ); doppia positività per ACPA e anticorpi anti-peptidi acetilati ( AAPA; 45, 12% ); tripla positività per ACPA, AAPA e anticorpi anti-peptidi carbamilati ( 151, 42% ); e negatività AMPA ( 74, 20% ). 19 pazienti ( 5% ) erano in uno dei gruppi di autoanticorpi minori.

Dei 233 pazienti con dati sugli anticorpi e radiografie di qualità sufficiente, i pazienti triplo-positivi hanno avuto una progressione radiografica maggiore tra il basale e 12 mesi ( variazione media stimata nel punteggio SvH totale 1.8 ) rispetto ai pazienti singolo-positivi ( 0.5; differenza media stimata nella variazione totale del punteggio SvH 1.2 ).

Non c'è stata differenza nella progressione radiografica tra pazienti singolo-positivi e pazienti AMPA negativi ( variazione media stimata del punteggio SvH totale 0.7; differenza media stimata nella variazione totale nel punteggio SvH -0.2 ).

Questo studio ha indicato che la previsione ottimale dei tassi futuri di progressione radiografica nei pazienti con artrite reumatoide richiederà una valutazione degli autoanticorpi contro più proteine ​​o peptidi modificati post-traduzione. ( Xagena2021 )

Nijjar JS et al, Lancet Rheumatology 2021; 3: 284-293

Reuma2021


Altri articoli