I risultati degli endpoint co-primari dello studio post-marketing sulla sicurezza di Xeljanz in pazienti con artrite reumatoide


Sono stati presentati i risultati degli endpoint co-primari di uno studio sulla sicurezza post-marketing, richiesto dalla FDA, completato di recente, ORAL Surveillance.
L'obiettivo principale dello studio era valutare la sicurezza di Tofacitinib ( Xeljanz ) a due dosi ( 5 mg due volte al giorno e 10 mg due volte al giorno ) rispetto a un inibitore del TNF ( TNFi ) in pazienti con artrite reumatoide di età pari o superiore a 50 anni che avevano almeno un fattore di rischio cardiovascolare aggiuntivo.

Gli endpoint co-primari dello studio erano la non-inferiorità di Tofacitinib rispetto all'inibitore del TNF per quanto riguarda gli eventi cardiovascolari avversi maggiori ( MACE ) e le neoplasie ( escluso il tumore cutaneo non-melanoma [ NMSC ] ).

I risultati hanno mostrato che per questi endpoint co-primari, i criteri di non-inferiorità prespecificati non sono stati raggiunti per il confronto primario delle dosi combinate di Tofacitinib con l'inibitore del TNF.
Sulla base dei confronti secondari prespecificati, non è stata riscontrata evidenza di una differenza negli endpoint primari tra i due gruppi di trattamento con Tofacitinib.

Lo studio ha incluso 4.362 pazienti.

Le analisi primarie hanno incluso 135 soggetti con MACE e 164 soggetti con tumori maligni ( escluso tumore NMSC ).
Per Tofacitinib, il MACE più frequentemente segnalato è stato l'infarto del miocardio, mentre il tumore maligno segnalato più frequentemente ( escluso il tumore NMSC ) è stato il cancro del polmone. In quei soggetti con una maggiore prevalenza di fattori di rischio noti per MACE e tumori maligni ( ad es. età avanzata, fumo ), è stata osservata una maggiore incidenza di eventi in tutti i gruppi di trattamento.

In sintesi:

MACE aggiudicato: rapporto di rischio per Tofacitinib rispetto a inibitore TNF: Tofacitinib 5 mg BID: HR=1.24; Tofacitinib 10 mg BID: HR=1.43;

Tumori maligni aggiudicati escluso carcinoma NMSC: rapporto di rischio per Tofacitinib rispetto a inibitori TNF: Tofacitinib 5 mg BID: HR=1.47; Tofacitinib 10 mg BID: HR=1.48.

I risultati completi dello studio, al di là degli endpoint co-primari ( inclusi, ma non limitati a, endpoint secondari come l'embolia polmonare e la mortalità, nonché i dati di efficacia ), non sono ancora disponibili.

Xeljanz è approvato negli Stati Uniti in quattro indicazioni: adulti con artrite reumatoide attiva da moderatamente a grave dopo fallimento del Metotrexato, adulti con artrite psoriasica attiva dopo fallimento del farmaco antireumatico modificante la malattia ( DMARD ), adulti con colite ulcerosa attiva da moderatamente a grave dopo fallimento dell'inibitore del fattore di necrosi tumorale e pazienti di età pari o superiore a 2 anni con artrite idiopatica giovanile poliarticolare ( pcJIA ) attiva. ( Xagena2021 )

Fonte: Pfizer, 2021

Reuma2021 Farma2021

Altri articoli