Artrite reumatoide: i glucocorticoidi con dosaggio superiore a 5 mg/die correlati a un più elevato rischio cardiovascolare


Dosi giornaliere di glucocorticoidi di 5 mg o più durante i precedenti 6 o 12 mesi sono associate a un aumentato rischio di eventi cardiovascolari nei pazienti naïve agli steroidi con artrite reumatoide.
Inoltre, questo rischio aumenta con la dose cumulativa e la durata dell'uso.

I ricercatori non hanno trovato alcuna associazione tra rischio cardiovascolare e dosi giornaliere di 4 mg o meno di Prednisone, o basse dosi cumulative e più brevi durate di trattamento.

Esistono controversie riguardo ai rischi e ai benefici dei glucorticoidi nei pazienti con artrite reumatoide.
La sicurezza cardiovascolare relativa è generalmente presunta con dosi più basse e durate di utilizzo più brevi, specialmente nel breve termine.
Tuttavia, ci sono stati pochi dati sugli effetti temporali dell'uso dei glucocorticoidi a breve termine che precedono eventi cardiovascolari.

L'European League Against Rheumatism ( ELAR ) del 2016 e del 2019 e l'American College of Rheumatology ( ACR ) del 2015 e del 2021 raccomandano l'uso di glucocorticoidi a basse dosi per il minor tempo possibile in combinazione con DMARD ( farmaco modificante la malattia ) per il trattamento dell'artrite reumatoide.
Da qui l'importanza di determinare la sicurezza dell'avvio della terapia con glucocorticoidi a basse dosi in relazione allo sviluppo di eventi cardiovascolari.
Inoltre, gli eventi cardiovascolari nell'artrite reumatoide potrebbero diminuire a causa di un migliore controllo dell'attività di malattia a seguito dell'uso diffuso dei DMARD biologici e sintetici mirati ( ts/bDMARD ).

Per esaminare se l'assunzione di glucocorticoidi nei pazienti naïve agli steroidi con artrite reumatoide aumenti il ​​rischio cardiovascolare in modo dose- e durata-dipendente in un breve periodo, i ricercatori hanno analizzato i dati del registro CorEvitas-RA ( ex Corrona ).
Sono stati raccolti i dati tra il 1° ottobre 2001 e il 31 marzo 2018, identificando 48.535 adulti arruolati.
Dopo selezione dei pazienti sono stati inclusi nell'analisi un totale di 19.902 individui.

I ricercatori hanno valutato l'uso dei glucocorticoidi in base alla dose giornaliera attuale, alla dose cumulativa e alla durata dell'uso su intervalli di rotazione dei precedenti 6 e 12 mesi.
Inoltre, hanno utilizzato i modelli di rischio proporzionale di Cox per stimare i rapporti di rischio aggiustati per gli eventi cardiovascolari nei pazienti che hanno iniziato i glucocorticoidi, aggiustando per la durata dell'artrite reumatoide, i tradizionali fattori di rischio cardiovascolare e le covariate variabili nel tempo, incluso l'indice di attività di malattia clinica, impiego dei farmaci antireumatici modificanti la malattia, e uso equivalente di Prednisone.

Sono stati segnalati 1.106 eventi cardiovascolari, ovvero 1.66 per 100 anni-persona.
Hazard ratio aggiustati aumentati sono stati riportati alle dosi correnti da 5 mg a 9 mg ( 1.56; IC 95%, 1.18-2.06 ) e a 10 mg o più ( 1.91; IC 95%, 1.31-2.79 ).
Non è stato riportato alcun aumento del rischio a dosi comprese tra 0 mg e 4 mg ( 1.04; IC 95%, 0.55-1.59 ).

La dose cumulativa durante i 6 mesi precedenti ha dimostrato hazard ratio aggiustati aumentati da 751 mg a 1.100 mg ( 1.43; IC 95%, 1.04-1.98 ) e a 1.100 mg o più ( 2.05; IC 95%, 1.42-2.94 ), senza un aumento del rischio a dosi inferiori.
La durata dell'uso durante i 6 mesi precedenti ha anche dimostrato un aumento degli hazard ratio aggiustati, per più di 81 giorni di utilizzo ( 1.54; IC 95%, 1.08-2.32 ), senza un aumento del rischio a durate più brevi.
I risultati a dodici mesi sono stati in linea.

Dallo studio è emerso che dosi giornaliere di 5 mg equivalenti di Prednisone, una dose cumulativa elevata e una durata prolungata dell'uso di glucocorticoidi nei precedenti intervalli di 6 mesi e 1 anno sono risultate associate a un aumento del rischio di eventi cardiovascolari incidenti nei pazienti con artrite reumatoide naïve agli steroidi.
E' anche emersa una relativa assenza di eventi cardiovascolari con un dosaggio di 4 mg al giorno, una dose cumulativa inferiore e una durata di utilizzo di soli 6 mesi prima di un evento.
I medici che trattano pazienti con artrite reumatoide dovrebbero considerare questi intervalli di soglia nell'uso dei glucocorticoidi. ( Xagena2021 )

Fonte: Annals of the Rheumatic Diseases, 2021

Reuma2021 Cardio2021 Farma2021

Altri articoli