Artrite psoriasica: maggiore rischio cardiovascolare per i nuovi utilizzatori di IL-12/23, IL-17 versus inibitori del TNF


Nonostante un basso numero di eventi cardiovascolari avversi maggiori in generale, i pazienti con artrite psoriasica che iniziano di recente ad assumere inibitori di IL-12/23 o IL-17 hanno un rischio cardiovascolare maggiore rispetto a quelli che iniziano con inibitori del TNF.

I farmaci antireumatici biologici modificanti la malattia ( bDMARD ) come gli inibitori del TNF, IL12/23 e IL17 o i DMARD sintetici mirati ( tsDMARD ) sono terapie di seconda linea raccomandate per l'artrite psoriasica da moderata a grave quando i trattamenti standard ( compresi i DMARD sintetici convenzionali [ csDMARD ] ) non riescono a controllare la malattia o non sono tollerati.
Nonostante un effetto antinfiammatorio accertato, i profili di sicurezza cardiovascolare di questi farmaci nella artrite psoriasica rimangono incerti.

Nonostante un basso numero di eventi cardiovascolari avversi maggiori in generale, i pazienti con artrite psoriasica che iniziano di recente ad assumere inibitori di IL-12/23 o IL-17 hanno un rischio cardiovascolare maggiore rispetto a quelli che iniziano con inibitori del TNF.

In effetti, alcuni studi hanno riportato un minor rischio di eventi cardiovascolari avversi maggiori ( MACE ) e altri non hanno mostrato alcun rischio significativo.
Inoltre, sono stati condotti pochi studi sui bDMARD commercializzati più di recente, in particolare sugli inibitori di IL12/23 o IL17, in pazienti con artrite psoriasica, e non è disponibile alcuna analisi del contesto reale.
Pertanto, è necessario un ampio studio per quantificare il rischio cardiovascolare comparativo associato alle terapie di seconda linea tra i pazienti con artrite psoriasica al di fuori dell'ambito ristretto degli studi randomizzati e controllati.

Per analizzare il rischio di eventi cardiovascolari avversi maggiori nei pazienti con artrite psoriasica utilizzando varie classi di DMARD biologici e Apremilast ( Otezla ), è stato condotto uno studio di coorte a livello nazionale basato sui dati amministrativi sanitari dell'assicurazione sanitaria nazionale francese.
Il sistema nazionale di assicurazione sanitaria copre circa 67 milioni di persone in Francia ed è collegato alla Bancadati nazionale sulle dimissioni ospedaliere.

Per il loro studio, sono stati inclusi tutti gli adulti con artrite psoriasica che hanno iniziato di recente i DMARD biologici o Apremilast dal 2015 al 2019, esclusi quelli con precedenti malattie cardiovascolari.
In tutto, i ricercatori hanno incluso 9.510 pazienti che avevano appena iniziato un DMARD biologico ( 7.289 erano in trattamento con un inibitore del TNF, 1.058 che utilizzavano un inibitore di IL-12/23 e 1.163 che utilizzavano un inibitore di IL-17 ), e 1.885 che avevano appena iniziato Apremilast.

L'endpoint primario erano i principali eventi cardiovascolari avversi, con i ricercatori che hanno utilizzato un'analisi time-to-event con modelli Cox e Fine-Gray.

Il follow-up è terminato il 31 dicembre 2019.

Gli eventi cardiovascolari avversi maggiori si sono verificati nello 0.4% dei pazienti inclusi.
Dopo la ponderazione del punteggio di propensione, il rischio di eventi cardiovascolari avversi maggiori è risultato significativamente maggiore in quelli che iniziavano la terapia con gli inibitori IL-12/23 ( HRw = 2; IC 95%, 1.3-3 ) e gli inibitori IL-17 ( HRw = 1.9; IC 95%, 1.2 -3 ), rispetto agli inibitori del TNF.

I dati non hanno indicato un aumento significativo del rischio associato ad Apremilast ( HRw = 1.3; IC 95%, 0.8-2.2 ).
Sono stati riportati risultati simili nel modello Fine-Gray a rischi concorrenti per i dati di sopravvivenza.

Dato il numero relativamente piccolo di eventi, lo studio ha fornito dati rassicuranti sul rischio di eventi MACE nei pazienti con artrite psoriasica che hanno iniziato un bDMARD o Apremilast.
E' stato osservato un aumento del rischio di eventi MACE nei nuovi utilizzatori di inibitori IL12/23 e IL17 rispetto agli inibitori del TNF nella artrite psoriasica.

Se questi risultati verranno confermati da ulteriori studi che utilizzano altre fonti di dati potrebbero incoraggiare i medici ad adattare il percorso terapeutico dei pazienti con artrite psoriasica, prescrivendo preferenzialmente gli inibitori del TNF come prima terapia di seconda linea, specialmente nei pazienti ad alto rischio cardiovascolare, perché sembrano offrire un miglior effetto cardiovascolare, rispetto ad altri inibitori delle interleuchine. ( Xagena2021 )

Fonte: Rheumatology, 2021

Reuma2021 Cardio2021 Farma2021

Altri articoli