Fingolimod più efficace di Glatiramer acetato nella sclerosi multipla recidivante-remittente


Lo studio di fase IIIb ASSESS ha mostrato che Fingolimod ( Gilenya ) è superiore a Glatiramer acetato ( Copaxone ) nel ridurre le recidive e l'attività di malattia nei pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente ( RRMS ).

In 12 mesi, il tasso di recidive annualizzato è stato di circa il 41% in meno nei pazienti trattati con Fingolimod 0.5 mg rispetto ai pazienti trattati con Glatiramer acetato nello studio testa-a-testa.
Inoltre, il numero di lesioni in T2 nuove o ingrandite e lesioni in T1 con captazione del Gadolinio è stato inferiore con Fingolimod.

Fingolimod diventa così la prima terapia modificante la malattia a dimostrare la superiorità sul Glatiramer acetato, in termini di recidive e lesioni cerebrali, in un confronto diretto.

Nello studio ASSESS, due dosi di Fingolimod da 0.5 mg e 0.25 mg per via orale al giorno sono state confrontate con Glatiramer acetato 20 mg al giorno per via sottocutanea.
È stato dimostrato che Fingolimod 0.5 mg è superiore a Glatiramer acetato nella riduzione del rischio di recidive cliniche e nelle misure dell'attività della malattia alla risonanza magnetica cerebrale.

Sebbene la dose da 0.25 mg di Fingolimod fosse superiore al Glatiramer acetato su alcune misure di risonanza magnetica, non è stata significativamente migliore rispetto al Glatiramer acetato nel ridurre il rischio di recidiva clinica.
Queste osservazioni hanno indicato che la dose da 0.5 mg di Fingolimod è la dose ottimale per i pazienti adulti con sclerosi multipla.

L'efficacia di Fingolimod nella sclerosi multipla recidivante è stata dimostrata negli studi FREEDOMS e FREEDOMS II, controllati con placebo di fase III.
Fingolimod ha anche mostrato una efficacia superiore all'Interferone beta-1a intramuscolare nello studio testa-a-testa TRANSFORMS di fase III.

Lo studio ASSESS è iniziato nel 2012 come parte di un impegno post-approvazione della FDA.
In questo studio multicentrico in doppio cieco, sono stati randomizzati 1.064 pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente a Fingolimod 0.5 mg una volta al giorno, Fingolimod 0.25 mg o Glatiramer acetato 20 mg sottocutaneo.
Le caratteristiche demografiche e di base erano simili tra i gruppi di trattamento. In totale, 859 partecipanti hanno completato lo studio.

In 12 mesi, Fingolimod 0.5 mg ha ridotto significativamente il tasso di recidiva annualizzato ( ARR ) rispetto al Glatiramer acetato: 0.153 versus 0.258, per una riduzione relativa del 40.7%; P=0.0138. Fingolimod 0.25 mg ha mostrato numericamente meno recidive rispetto a Glatiramer acetato ( ARR 0.221 vs 0.258 ), ma la riduzione relativa non è risultata significativa.

Entrambe le dosi di Fingolimod hanno portato a una significativa riduzione del numero medio di lesioni T2 nuove o ingrandite alla risonanza magnetica ( riduzione relativa del 54.4% per la dose da 0.5 mg e del 42.1% per la dose da 0.25 mg ) e delle lesioni T1 con captazione del Gadolinio ( 55.6% in meno per entrambe le dosi ), rispetto a Glatiramer acetato.

Eventi avversi gravi si sono verificati nel 7.3% dei casi nel gruppo Fingolimod 0.5 mg, nell'8.7% nel gruppo Fingolimod 0.25 mg e nel 6.2% nel gruppo Glatiramer acetato.
L'evento più comune è stata la ricaduta della sclerosi multipla in tutti e tre i gruppi.
Inoltre, lo 0.9% del gruppo Fingolimod 0.5 mg e l'1.1% del gruppo Fingolimod 0.25 mg hanno sviluppato carcinoma a cellule basali, che non si è verificato in nessuno dei pazienti trattati con Glatiramer acetato.

In questo studio clinico non sono stati osservati segnali di sicurezza inaspettati; gli eventi avversi che si sono verificati erano coerenti con il profilo di sicurezza stabilito sia di Fingolimod che di Glatiramer acetato. ( Xagena2019 )

Fonte: CMSC ( Consortium of Multiple Sclerosis Centers ) Annual Meeting, 2019

Neuro2019 Farma2019

Altri articoli