Effetto del trapianto di cellule staminali ematopoietiche non-mieloablativo rispetto alla terapia continua modificante la malattia sulla progressione della sclerosi multipla recidivante-remittente


Il trapianto di cellule staminali ematopoietiche ( HSCT ) rappresenta un approccio potenzialmente utile per rallentare o prevenire la disabilità progressiva nella sclerosi multipla recidivante-remittente.

È stato confrontato l'effetto della terapia con HSCT non-mieloablativo rispetto alla terapia modificante la malattia ( DMT ) sulla progressione della sclerosi.

Tra il 2005 e il 2016, in totale 110 pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente, almeno 2 recidive nell'anno precedente mentre ricevevano terapia modificante la malattia e un punteggio EDSS ( Expanded Disability Status Scale; 0-10, 10=peggiore disabilità neurologica ) da 2.0 a 6.0 sono stati randomizzati in 4 Centri statunitensi, europei e sudamericani.

I pazienti sono stati randomizzati a ricevere trapianto HSCT insieme alla Ciclofosfamide ( 200 mg/kg ) e alla globulina antitimocita ( 6 mg/kg ) ( n=55 ) o terapia modificante la malattia di maggiore efficacia o una classe diversa rispetto alla terapia DMT assunta durante l'anno precedente ( n=55 ).

L'endpoint primario era la progressione della malattia, definita come aumento del punteggio EDSS dopo almeno 1 anno di 1.0 punti o più ( differenza minima clinicamente importante, 0.5 ) su due valutazioni a distanza di 6 mesi, con differenze nel tempo di progressione stimate come hazard ratio ( HR ).

Su 110 pazienti randomizzati ( 73 donne, 66%, età media, 36 anni ), 103 sono rimasti nello studio, con 98 valutati a 1 anno e 23 valutati ogni anno per 5 anni ( follow-up mediano, 2 anni; media, 2.8 anni ).

La progressione della malattia si è verificata in 3 pazienti nel gruppo trapianto HSCT e 34 pazienti nel gruppo terapia modificante la malattia.

Il tempo mediano alla progressione non è stato calcolato nel gruppo terapia HSCT a causa dei pochi eventi; è stato di 24 mesi nel gruppo terapia modificante la malattia ( HR=0.07, P  minore di 0.001 ).

Durante il primo anno, i punteggi EDSS medi sono diminuiti e migliorati da 3.38 a 2.36 nel gruppo trapianto HSCT e aumentati e peggiorati da 3.31 a 3.98 nel gruppo terapia modificante la malattia ( differenza media tra i gruppi, -1.7, P minore di 0.001 ).

Non ci sono stati decessi e nessun paziente che ha ricevuto trapianto HSCT ha sviluppato tossicità non-ematopoietiche di grado 4 ( come infarto miocardico, sepsi o altri eventi invalidanti o potenzialmente letali ).

In questo studio preliminare di pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente, il trapianto di cellule staminali ematopoietiche non-mielooablative rispetto alla terapia modificante la malattia ha comportato un prolungato periodo di progressione della malattia.
Sono necessarie ulteriori ricerche per replicare questi risultati e per valutare gli esiti a lungo termine e la sicurezza. ( Xagena2019 )

Burt RK et al, JAMA 2019; 321: 165-174

Neuro2019 Med2019

Altri articoli