L'Unione Europea ha approvato Praluent per ridurre il rischio di eventi cardiovascolari nei pazienti con malattia cardiovascolare


La Commissione europea ( CE ) ha approvato una nuova indicazione per Praluent ( Alirocumab ) per ridurre il rischio cardiovascolare ( CV ) negli adulti con malattia cardiovascolare aterosclerotica ( ASCVD ) accertata, abbassando i livelli di colesterolo LDL come aggiunta alla correzione di altri fattori di rischio.

La malattia cardiovascolare di natura aterosclerotica è un termine generico, definito come un accumulo di placca nelle arterie che può portare a una riduzione del flusso sanguigno e a una serie di condizioni gravi come ictus, malattia delle arterie periferiche e sindrome coronarica acuta ( ACS ), che comprende infarto miocardico e angina instabile.

L'approvazione della Commissione Europea si basa sui dati di ODYSSEY OUTCOMES, uno studio di outcome cardiovascolare di fase 3 che ha valutato l'effetto dell'aggiunta di Alirocumab a statine al dosaggio massimo tollerato in 18.924 pazienti con sindrome coronarica acuta 1-12 mesi ( mediana 2.6 mesi ) prima dell'arruolamento nello studio.

I risultati dello studio ODYSSEY OUTCOMES sono stati pubblicati su The New England Journal of Medicine ( NEJM ) nel 2018.

Lo studio ha raggiunto il suo endpoint primario, dimostrando che Alirocumab è in grado di ridurre in modo significativo il rischio relativo di eventi cardiovascolari avversi maggiori ( MACE ) del 15% nei pazienti che avevano subito un recente episodio di sindrome coronarica acuta.
Il MACE si è verificato in 903 pazienti ( 9.5% ) nel gruppo Alirocumab e in 1.052 pazienti ( 11.1% ) nel gruppo placebo ( hazard ratio, HR 0.85, IC 95%, 0.78-0.93, p inferiore a 0.001 ).
Inoltre, Alirocumab è stato associato a un rischio inferiore del 15% di morte per qualsiasi causa; che si è verificato in 334 ( 3.5% ) pazienti nel gruppo Alirocumab e 392 ( 4.1% ) pazienti nel gruppo placebo ( HR 0.85, IC 95%, 0.73-0.98 ).
Gli eventi avversi sono stati simili tra i gruppi Alirocumab e placebo, ad eccezione delle reazioni al sito di iniezione ( Alirocumab 3.8%, placebo 2.1% ).

Praluent è l'unico inibitore PCSK9 ( proproteina convertasi subtilisina / kexina di tipo 9 ) disponibile in due dosi iniziali come un'iniezione singola da 1 millilitro ( ml ) ( 75 mg e 150 mg ) una volta ogni due settimane e può anche essere somministrato come 300 mg una volta ogni quattro settimane ( mensili ); questo consente ai medici di personalizzare il trattamento in base alle esigenze di riduzione dei livelli di colesterolo LDL di un singolo paziente.

Nello studio ODYSSEY OUTCOMES i pazienti sono stati randomizzati a ricevere Alirocumab ( n = 9.462 ) oppure placebo ( n = 9.462 ) e sono stati valutati per una mediana di 2.8 anni, con alcuni pazienti trattati per un massimo di 5 anni.
Circa il 90% dei pazienti era in trattamento con una statina ad alta intensità.
Lo studio era stato progettato per mantenere i livelli di colesterolo LDL dei pazienti tra 25 e 50 mg/dL ( 0.65 - 1.29 mmol/L ), utilizzando due diverse dosi di Alirocumab ( 75 mg e 150 mg ).
I pazienti trattati con Alirocumab hanno iniziato lo studio con il dosaggio di 75 mg ogni 2 settimane e sono passati a 150 mg ogni 2 settimane se i livelli di colesterolo LDL rimanevano superiori a 50 mg/dL ( 1.29 mmol/L ) ( n = 2.615 ).
Alcuni pazienti che erano passati a 150 mg sono passati a 75 mg se i livelli di colesterolo LDL erano scesi al di sotto di 25 mg/dL ( 0.65 mmol/L ) ( n = 805 ).
La terapia con Alirocumab veniva interrotta qualora i pazienti presentassero due misurazioni consecutive di colesterolo LDL inferiore a 15 mg/dL ( 0.39 mmol/L ) mentre stavano assumendo la dose da 75 mg ( n = 730 ).

Alirocumab inibisce il legame di PCSK9 al recettore LDL e quindi aumenta il numero di recettori LDL disponibili sulla superficie delle cellule epatiche atti ad eliminare LDL dal circolo, abbassando in tal modo i livelli ematici di colesterolo LDL. ( Xagena2019 )

Fonte: Sanofi, 2019

Endo2019 Cardio2019 Farma2019

Altri articoli