Lixisenatide rallenta o previene i danni a livello renale nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e malattia cardiovascolare


Una nuova ricerca presentata al Meeting annuale dell'European Association for the Study of Diabetes ( EASD ) ha dimostrato come il farmaco ipoglicemizzante Lixisenatide ( Lyxumia ) sia in grado di rallentare o prevenire il danno a livello renale nei pazienti con macroalbuminuria, diabete mellito di tipo 2 ( T2DM ) e con malattia cardiovascolare.

Nello studio ELIXA, Lixisenatide, un agonista del recettore di GLP-1 a breve durata d'azione ( GLP-1RA ), aveva dimostrato sicurezza cardiovascolare rispetto al placebo nei pazienti con diabete di tipo 2.

In questo studio di follow-up, i ricercatori hanno studiato l'effetto della Lixisenatide sugli esiti renali. I pazienti con diabete mellito di tipo 2 e con un recente evento coronarico, sono stati assegnati a Lixisenatide ( 10-20 mcg ) oppure a placebo, in aggiunta allo standard di cura.

La variazione percentuale dell'endpoint secondario nel rapporto urinario albumina-creatinina ( UACR [ una misura del danno renale ] ) dal basale alla settimana 108 è risultata leggermente inferiore con Lixisenatide rispetto al placebo ( 24% vs 34% ) nella popolazione generale.

In una analisi effettuata nella popolazione intention of treat ( ITT ) di ELIXA, i ricercatori hanno studiato la progressione del rapporto urinario albumina-creatinina e la velocità di filtrazione glomerulare ( eGFR [ una misura della funzione renale ] ) secondo le categorie UACR di riferimento pre-specificate ( normoalbuminuria: UACR inferiore a 30 mg/g, microalbuminuria: UACR maggiore o uguale a 30 e meno di o uguale a 300 mg/g, e macroalbuminuria: UACR superiore a 300 mg/g ). Sono stati anche determinati il tempo all'insorgenza di una nuova macroalbuminuria e il tempo al raddoppio della creatinina sierica.

Nel periodo 2010-2013 sono stati arruolati 6068 pazienti. I valori di UACR basali erano disponibili per 5978 ( 99% ) pazienti con un follow-up medio di 25 mesi.

Al basale, il 74% presentava normoalbuminuria, 19% microalbuminuria e 7% macroalbuminuria.

Dopo 108 settimane, la differenza di riduzione percentuale di UACR ( Lixisenatide vs placebo ) è stata di -1.7% ( non-statisticamente significativa ) nei pazienti con normoalbuminuria, -21.1% ( statisticamente significativa bordeline ) nei pazienti con microalbuminuria e -39.2% ( statisticamente significativa ) nei pazienti con macroalbuminuria.

Inoltre, la Lixisenatide è risultata associata a una riduzione statisticamente significativa borderline del 16% del rischio di incidenza di macroalbuminuria.

L'eGFR è diminuito durante lo studio in tutte le categorie di albuminuria, con la più grande diminuzione nel sottogruppo macroalbuminurico.

Non ci sono state differenze significative nel declino dell'eGFR tra i bracci di trattamento nella popolazione generale o nei sottogruppi di UACR.

In conclusione, sulla base delle evidenze disponibili, gli agonisti del recettore di GLP-1 riducono il rapporto urinario albumina-creatinina su tutta la gamma di eGFR ( stadi CKD 1-4 ), in particolare nei pazienti con macroalbuminuria al basale.
Si può ipotizzare che l'attivazione diretta del recettore GLP-1 nel rene, o più effetti anti-infiammatori e anti-ossidativi, possa contribuire ai benefici renali degli agonisti recettoriali di GLP-1.
L'effetto degli agonisti recettoriali di GLP-1 sul declino di eGFR e sugli endpoint renali forti rimane equivoco e dovrebbe essere valutato in studi dedicati sull'esito renale con tempo di follow-up più lungo nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e con malattia renale cronica più avanzata al basale. ( Xagena2018 )

Fonte: The Lancet Diabetes & Endocrinology, 2018

Endo2018 Cardio2018 Nefro2018 Farma2018

Altri articoli