L'esercizio fisico riduce il rischio di malattia cardiovascolare dopo tumore al seno


Una analisi secondaria di dati di studi randomizzati ha mostrato che l'esercizio fisico intenso abbassa drasticamente il rischio di malattie cardiache nelle donne in sovrappeso e obese, sopravvissute al carcinoma mammario in stadio iniziale.
Il punteggio medio di rischio FRS ( Framingham Risk Score ) è diminuito di 11 punti percentuali con un programma settimanale di esercizi fisici della durata di 16 settimane.
Il rischio medio è risultato pari al 2.0% contro il 13.0% nel gruppo delle pazienti non-sottoposte al programma ( P inferiore a 0.001 ).

I risultati sono stati simili per il punteggio totale di Framingham in questa popolazione inizialmente sedentaria, e sono stati guidati da forti riduzioni della pressione arteriosa sistolica ( 13.7 mm Hg più bassi rispetto ai controlli dopo l'intervento ), del colesterolo LDL ( 48.6 mg/dL più basso ) e delle diagnosi di diabete ( 20% in meno rispetto a un aumento del 9% ).

Questo studio ha fornito ulteriori elementi a sostegno della tesi che l'esercizio aerobico e di resistenza, che ha dimostrato di influenzare favorevolmente la sindrome metabolica nelle donne con carcinoma mammario in fase iniziale, riduce significativamente il rischio a 10 anni di malattia cardiovascolare, come determinato dal punteggio FRS.
Questa è una ulteriore evidenza che i cambiamenti dello stile di vita possono essere molto importanti nelle pazienti, comprese quelle con carcinoma mammario.

Sono state randomizzate 50 pazienti al solito gruppo di cura e 50 pazienti al gruppo di esercizio fisico.
Le pazienti avevano un'età media di 53.5 anni, e il 55% erano ispaniche.

Le donne erano obese o in sovrappeso con un indice di massa corporea ( BMI ) di 25.0 o valore superiore, o grasso corporeo maggiore o uguale al 30%.
Avevano completato il trattamento antitumorale entro 6 mesi prima dell'arruolamento, erano sedentarie e presentavano carcinoma mammario di stadio da I a III.

Le partecipanti al braccio esercizio fisico facevano da 50 a 80 minuti di esercizio di resistenza e di esercizio aerobico tre volte a settimana per un totale di 16 settimane.
Gli esercizi aerobici includevano il ciclismo, il canottaggio e il tapis roulant.

L'intervento era mirato a soddisfare le lineeguida sull'esercizio fisico dell'American College of Sports Medicine / American Cancer Society per le persone sopravvissute a malattia oncologica, che raccomandano almeno 150 minuti di esercizio aerobico e 2 o 3 giorni di allenamento per esercizi di resistenza a settimana.

Lo studio ha come limite la ridotta dimensione del campione. Inoltre, lo studio non era stato progettato specificatamente per raggiungere il punteggio di rischio Framingham, ma è stato disegnato avendo come target la sindrome metabolica. Un altro limite era l'esclusione dei fumatori. ( Xagena2019 )

Fonte: JAMA Oncology, 2019

Gyne2019 Onco2019 Med2019

Altri articoli