Uso di Magnesio solfato preospedaliero come neuroprotezione per ictus acuto


Il Magnesio solfato è neuroprotettivo in modelli preclinici di ictus e ha mostrato segnali di potenziale efficacia, con un profilo di sicurezza accettabile quando somministrato subito dopo l'insorgenza dell'ictus negli esseri umani.
L’inizio ritardato della somministrazione di agenti neuroprotettivi ha ostacolato i primi studi di fase 3 sugli agenti neuroprotettivi.

I pazienti con sospetto ictus sono stati randomizzati a ricevere Solfato di magnesio per via endovenosa oppure placebo, iniziando entro 2 ore dalla insorgenza dei sintomi.

Una dose di carico è stata somministrata dai paramedici prima che il paziente arrivasse in ospedale, e una infusione di mantenimento di 24 ore è stata avviata all'arrivo del paziente in ospedale.

L'esito primario era il grado di disabilità a 90 giorni, come misurato dai punteggi alla scala Rankin modificata ( range da 0 a 6, con punteggi più alti che indicano maggiore disabilità ).

Tra i 1.700 pazienti arruolati ( 857 nel gruppo Magnesio e 843 nel gruppo placebo ), l'età media era di 69 anni, il 42.6% era rappresentato da donne, e il punteggio pretrattamento medio alla scala Los Angeles Motor Scale di gravità dell’ictus ( range, 0-10, con punteggi più alti che indicano deficit motori più grandi ) era 3.7.

La diagnosi finale dell'evento qualificante era ischemia cerebrale nel 73.3% dei pazienti, emorragia intracranica nel 22.8%, e una condizione simile all’ictus nel 3.9%.

L'intervallo mediano tra il momento in cui il paziente era noto per essere esente dai sintomi di ictus e l'inizio della infusione del farmaco in studio è stato di 45 minuti ( range interquartile 35-62 ), e il 74.3% dei pazienti ha ricevuto l'infusione del farmaco in studio entro la prima ora dopo l'insorgenza dei sintomi.

Non ci sono stati cambiamenti significativi nella distribuzione dei risultati di disabilità a 90 giorni alla scala globale Rankin modificata tra i pazienti nel gruppo Magnesio e quelli nel gruppo placebo ( P=0.28 per il test Cochran-Mantel-Haenszel ); i punteggi medi a 90 giorni non sono variati tra il gruppo Magnesio e il gruppo placebo ( 2.7 in ogni gruppo, P=1.00 ).

Non sono state rilevate differenze significative tra i gruppi per quanto riguarda la mortalità ( 15.4% nel gruppo Magnesio e 15.5% nel gruppo placebo, P=0.95 ) o tutti gli eventi avversi gravi.

In conclusione, l'inizio della terapia preospedaliera con Solfato di magnesio è risultato sicuro e ha permesso l'inizio della terapia entro 2 ore dopo l'insorgenza dei sintomi di ictus, ma non ha migliorato i risultati della disabilità a 90 giorni. ( Xagena2015 )

Saver JL et al, N Engl J Med 2015;372:528-536

Neuro2015 Farma2015

Altri articoli