Solfato di Magnesio intravenoso o nebulizzato versus terapia standard per asma acuto grave


Studi precedenti hanno suggerito che la somministrazione intravenosa o nebulizzata di Solfato di Magnesio ( MgSO4 ) potrebbe migliorare la funzione respiratoria in pazienti con asma acuto.

È stato condotto uno studio per determinare se MgSO4 intravenoso o nebulizzato fosse in grado di migliorare i sintomi della dispnea e di ridurre il bisogno di ricovero in ospedale negli adulti con asma acuto grave.

Nello studio in doppio cieco e controllato con placebo, sono stati arruolati adulti ( età uguale o superiore a 16 anni ) con asma acuto grave in reparti di Pronto soccorso di 34 ospedali nel Regno Unito.

Sono stati esclusi pazienti con caratteristiche che mettevano a rischio di vita o con controindicazioni per il farmaco dello studio.

I partecipanti sono stati randomizzati a ricevere MgSO4 per via endovenosa ( 2 g in 20 minuti ) o nebulizzato ( 3 dosi da 500 mg in 1 ore ) assieme a terapia standard che includeva Salbutamolo o placebo più sola terapia standard.

Sono stati valutati due endpoint primari in tutti i partecipanti eleggibili che hanno iniziato il trattamento, in base al gruppo di assegnazione: proporzione di pazienti ricoverati in ospedale entro 7 giorni e dispnea misurata su una scala analogico visuale ( VAS ) di 100 mm nelle 2 ore dopo l’inizio del trattamento.

Lo studio è stato interrotto prima del completamento dell’arruolamento per mancanza di fondi.

Nel periodo 2008-2012, sono stati reclutati 1.109 ( 92% ) dei 1.200 pazienti proposti per il potere dello studio.

In totale, 261 ( 79% ) dei 332 pazienti assegnati a MgSO4 nebulizzato sono stati ricoverati in ospedale prima di 7 giorni, così come 285 ( 72% ) dei 394 assegnati a MgSO4 per via intravenosa e 281 ( 78% ) dei 358 controlli.

Il respiro affannoso è stato valutato in 296 ( 89% ) pazienti del gruppo MgSO4 nebulizzato, 357 ( 91% ) del gruppo MgSO4 intravenoso e 323 ( 90% ) controlli.

I tassi di ricovero in ospedale non hanno mostrato differenze tra i pazienti trattati con le due forme di MgSO4 rispetto ai controlli o tra quelli trattati con MgSO4 nebulizzato e MgSO4 intravenoso.

I cambiamento nella scala VAS di respiro affannoso non ha mostrato differenze tra trattamento attivo e controlli, ma il cambiamento nella scala VAS è risultato più ampio nel gruppo MgSO4 intravenoso che in quello MgSO4 nebulizzato ( 5.1 mm; p=0.019 ).

La somministrazione di MgSO4 per via intravenosa o per nebulizzazione non ha diminuito in modo significativo i tassi di ricovero in ospedale e di dispnea rispetto a placebo: MgSO4 per via intravenosa è risultato associato a un odds ratio ( OR ) di 0.73 ( p=0.083 ) per ricovero in ospedale e a un cambiamento nella scala VAS di affanno di 2.6 mm ( p=0.231 ) rispetto a placebo; MgSO4 nebulizzato è risultato associato a un odds ratio di 0.96 ( p=0.819 ) per ricovero in ospedale e un cambiamento nella scala VAS di affanno di -2.6 mm ( p=0.253 ) rispetto a placebo.

In conclusione, questi risultati suggeriscono che il Solfato di Magnesio nebulizzato non ha un ruolo nella gestione del asma acuto grave negli adulti e indica solo un ruolo limitato per la somministrazione intravenosa di MgSO4 in questo contesto. ( Xagena2013 )

Goodacre S et al, The Lancet Respiratory Medicine 2013; 1(4): 293-300

Pneumo2013 Farma2013

Altri articoli