Magnesio e Calcio per via endovenosa per prevenire la neurotossicità sensoriale indotta da Oxaliplatino


La neurotossicità cumulativa è una tossicità importante della terapia a base di Oxaliplatino ( Eloxatin ).

La somministrazione intravenosa di Calcio e Magnesio è stata utilizzata in modo estensivo per ridurre tale neurotossicità.

È stato disegnato uno studio per valutare definitivamente se la somministrazione di Calcio e Magnesio fosse in grado di ridurre la neurotossicità correlata ad Oxaliplatino.

Nello studio, 353 pazienti con carcinoma del colon che si dovevano sottoporre a terapia adiuvante con FOLFOX ( Fluorouracile, Leucovorina e Oxaliplatino ) sono stati assegnati in maniera casuale a somministrazione endovenosa di Calcio e Magnesio prima e dopo Oxaliplatino, a un placebo prima e dopo, o a Calcio e Magnesio prima e placebo dopo Oxaliplatino.

L’endpoint primario era la neurotossicità cumulativa misurata in base alla scala sensoriale del European Organisation for Research and Treatment of Cancer ( EORTC ) Quality of Life Questionnaire-Chemotherapy-Induced Peripheral Neuropathy 20 tool ( QLQ-CIPN20 ).

Non sono emerse differenze neuropatiche significative tra i bracci dello studio misurate con l’endpoint primario o con misure aggiuntive di neuropatia, inclusa la misurazione determinata dai medici del tempo alla neuropatia di grado 2 utilizzando i criteri della scala NCI – CTCAE ( National Cancer Institute Common Terminology Criteria for Adverse Events ) o una scala di neuropatia specifica per Oxaliplatino.

Inoltre, la somministrazione di Calcio e Magnesio non ha diminuito in modo sostanziale la neuropatia acuta indotta da Oxaliplatino.

In conclusione, questo studio non supporta l’uso di Calcio e Magnesio come protezione contro la neurotossicità indotta da Oxaliplatino. ( Xagena2014 )

Loprinzi CL et al, J Clin Oncol 2014; 32: 997-1005

Onco2014 Neuro2014 Farma2014

Altri articoli