Venclexta associato Obinutuzumab, regime privo di chemioterapia, per i pazienti con leucemia linfatica cronica non-trattati in precedenza, approvato dalla FDA


La statunitense Food and Drug Administration ( FDA ) ha approvato Venclexta ( Venetoclax ) in associazione a Obinutuzumab ( Gazyva ) per i pazienti precedentemente non-trattati con leucemia linfatica cronica ( CLL ) o linfoma a piccoli linfociti ( SLL ).

La FDA ha assegnato la designazione di Breakthrough Therapy ( terapia fortemente innovativa ) per questa terapia combinata, e la presentazione anticipata dei dati è stata fornita nell'ambito del Programma pilota RTOR ( Real-Time Oncology Review ), che ha portato all'approvazione del farmaco in poco più di due mesi, dopo la presentazione della domanda completa.

Lo studio CLL14 ha dimostrato una superiore sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) valutata da un Comitato di revisione indipendente nei pazienti trattati con Venetoclax più Obinutuzumab, rispetto ai pazienti che hanno ricevuto Clorambucile più Obinutuzumab, uno standard di cura comunemente impiegato.

Con un follow-up mediano di 28 mesi ( range: da 0.1 a 36 mesi ), Venetoclax plus Obinutuzumab ha ridotto il rischio di progressione o morte del 67% rispetto a Clorambucile più Obinutuzumab ( hazard ratio, HR = 0.33; intervallo di confidenza [ IC ] al 95%: 0.22, 0.51, p inferiore a 0.0001 ).

La sopravvivenza mediana libera da progressione non è stata raggiunta in entrambi i bracci di trattamento.

La negatività della malattia minima residua ( MRD ) ( malattia non-rilevabile nel sangue o nel midollo osseo ) è stata valutata come endpoint secondario e si verifica quando meno di una cellula leucemica per 10.000 leucociti può essere rilevata utilizzando metodi analitici sensibili.
Livelli più elevati di negatività MRD sono stati osservati con Venetoclax più Obinutuzumab rispetto a Obinutuzumab più Clorambucile sia nel midollo osseo ( 57% versus 17%, p inferiore a 0.0001 ) sia nel sangue periferico ( 76% vs 35%, p inferiore a 0.0001 ) tre mesi dopo completamento del trattamento.

Nello studio CLL14, gli eventi avversi erano coerenti con i profili di sicurezza noti di Venetoclax e Obinutuzumab da soli.
Reazioni avverse gravi sono state riportate nel 49% dei pazienti nel braccio Venetoclax più Obinutuzumab, il più delle volte a causa di neutropenia febbrile e polmonite ( 5% per ciascun effetto ).
Le reazioni avverse gravi più comuni ( maggiore o uguale al 15% ) di qualsiasi grado erano neutropenia ( 60% ), diarrea ( 28% ), affaticamento ( 21% ), nausea ( 19% ), anemia ( 17% ) e infezione del tratto respiratorio superiore ( 17% ).

Venetoclax è un inibitore orale della proteina BCL-2 ( B-cell lymphoma-2 ). In alcuni tumori ematologici, BCL-2 impedisce alle cellule tumorali di andare incontro al processo di morte naturale o di autodistruzione, chiamato apoptosi.
Venetoclax ha come bersaglio la proteina BCL-2 e agisce favorendo il ripristino della apoptosi.

La leucemia linfatica cronica è tipicamente un tumore a evoluzione lenta del midollo osseo e del sangue in cui i linfociti B diventano cancerogeni e si moltiplicano in modo anomalo.
Negli Stati Uniti, la leucemia linfatica cronica conta più di 20.000 nuovi casi diagnosticati ogni anno. ( Xagena2019 )

Fonte: Abbvie, 2019

Emo2019 Onco2019 Farma2019

Altri articoli