Regime di associazione senza chemioterapia con Venetoclax per i pazienti con leucemia linfatica cronica non-trattata in precedenza


Sono stati presentati nel corso del Meeting dell'ASCO ( American Society of Clinical Oncology ) i dati di CLL14, il primo studio clinico randomizzato che ha esaminato l'interruzione di una combinazione orale senza chemioterapia dopo 12 mesi in pazienti precedentemente non-trattati con leucemia linfatica cronica ( LLC ) e condizioni mediche coesistenti.

I risultati hanno dimostrato che Venetoclax ( Venclyxto ) più Obinutuzumab ( Gazyvaro ) ha prolungato la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e ha raggiunto tassi più elevati di risposta completa e minima malattia residua ( MRD ) rispetto a uno standard di cura comunemente usato Obinutuzumab plus Clorambucile.

La combinazione Venetoclax e Obinutuzumab è stata recentemente approvata dalla Food and Drug Administration ( FDA ) negli Stati Uniti per i pazienti precedentemente non-trattati con leucemia linfatica cronica o linfoma a piccoli linfocitici ( SLL ) in base ai risultati dello studio clinico CLL14.

Nello studio CLL14, i risultati valutati dallo sperimentatore hanno dimostrato che i pazienti con leucemia linfatica cronica che erano stati trattati con Venetoclax più Obinutuzumab hanno raggiunto una sopravvivenza libera da progressione superiore rispetto ai pazienti trattati con Obinutuzumab più Clorambucile.
Le stime di PFS a 24 mesi erano 88.2% e 64.1%, rispettivamente ( hazard ratio [ HR ]: 0.35, intervallo di confidenza al 95% [ IC ]: 0.23, 0.53, P inferiore a 0.001 ).

Livelli più elevati di negatività per MRD ( malattia residua minima ) sono stati osservati con Venetoclax più Obinutuzumab rispetto a Obinutuzumab più Clorambucile sia nel sangue periferico ( 75.5% vs 35.2%, P inferiore a 0.001 ) e nel midollo osseo ( 56.9% contro 17.1% [ P inferiore a 0.001 ] ) tre mesi dopo il completamento del trattamento e i tassi di risposta completi erano significativamente più alti con Venetoclax più Obinutuzumab rispetto a Clorambucile più Obinutuzumab ( 49.5% contro 23.1% [ P inferiore a 0.001 ] ).

Nello studio CLL14, gli eventi avversi erano coerenti con i profili di sicurezza noti di Venetoclax e Obinutuzumab da soli.
Almeno un effetto avverso di qualsiasi grado si è verificato nel 94.3% dei pazienti nel braccio Venetoclax più Obinutuzumab.
Gli effetti avversi di grado 3/4 più comuni nei pazienti trattati con Venetoclax più Obinutuzumab sono stati neutropenia febbrile ( 5.2% ) e infezioni ( 17.5% ).
La sindrome da lisi tumorale ( TLS ) è stata riportata in 3 pazienti nel gruppo Venetoclax più Obinutuzumab ( tutti durante il trattamento con Obinutuzumab e prima di Venetoclax ). Nessuno di questi eventi ha soddisfatto i criteri di Howard per il TLS clinico.

Lo studio prospettico, multicentrico, in aperto, randomizzato di fase 3 CLL14, condotto in collaborazione con il gruppo di studio CLL tedesco, DCLLSG, ha valutato l'efficacia e la sicurezza di un regime sperimentale combinato di Venetoclax più Obinutuzumab ( n = 216 ) contro Obinutuzumab più Clorambucile ( n = 216 ) in pazienti precedentemente non-trattati con leucemia linfatica cronica e condizioni mediche coesistenti.
Le terapie sono state somministrate per una durata finita di 12 mesi per Venetoclax in combinazione con sei cicli di Obinutuzumab.
Lo studio ha arruolato 432 pazienti, tutti precedentemente non-trattati secondo i criteri dell'International Workshop on Cronic Lymphocytic Leukemia ( iwCLL ).
L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione basata sulla valutazione dello sperimentatore, utilizzando i criteri iwCLL.
Gli endpoint secondari chiave erano la sopravvivenza libera da progressione valutata da un Comitato di revisione indipendente, la negatività per MRD nel sangue periferico e il midollo osseo, i tassi di risposta globale e risposta completa ( rispettivamente OR e CR ), la negatività per MRD nella risposta completa nel sangue periferico e nel midollo osseo, e la sopravvivenza generale ( OS ).

Venetoclax è un farmaco che si lega selettivamente e inibisce la proteina BCL-2.
In alcuni tumori ematologici, BCL-2 impedisce alle cellule tumorali di subire il processo di morte naturale o autodistruzione, chiamato apoptosi.
Venetoclax aiuta a ripristinare il processo di apoptosi. ( Xagena2019 )

Fonte: Abbvie, 2019

Emo2019 Onco2019 Farma2019

Altri articoli