Eltrombopag durante la chemioterapia di induzione per la leucemia mieloide acuta


I pazienti con leucemia mieloide acuta presentano frequentemente trombocitopenia durante la chemioterapia di induzione.
Eltrombopag ( Revolade ), un agonista del recettore della trombopoietina orale, stimola la produzione di piastrine con un meccanismo simile alla trombopoietina endogena.

Sono state esaminate la sicurezza e l'efficacia di Eltrombopag rispetto al placebo durante il trattamento di induzione a base di antracicline nei pazienti con leucemia mieloide acuta.

In uno studio di fase 2 randomizzato, in doppio cieco, i pazienti naive al trattamento sono stati reclutati dai Centri clinici di 10 Paesi ( Australia, Belgio, Canada, Grecia, Ungheria, Israele, Corea del Sud, Polonia, Russia e Stati Uniti ).
I pazienti con leucemia mieloide acuta di qualsiasi sottotipo eccetto M3 e M7 sono stati stratificati per antecedente patologia maligna ematologica ( si o no ) ed età ( 18-60 anni o più di 60 anni ) e sono stati assegnati in modo casuale.

A partire dal giorno 4, i pazienti hanno ricevuto chemioterapia di induzione standard ( infusione endovenosa in bolo di Daunorubicina nei giorni 1-3, 90 mg/m2 per pazienti di età tra 18 e 60 anni o 60 mg/m2 per pazienti di età superiore a 60 anni, più Citarabina per infusione endovenosa continua nei giorni 1-7, 100 mg/m2 ), con Eltrombopag 200 mg ( 100 mg per gli asiatici dell’est ) oppure placebo una volta al giorno, fino a una conta delle piastrine di 200 x 109/l o superiore, fino alla remissione o dopo 42 giorni dall'inizio della chemioterapia di induzione.

L'obiettivo principale dello studio erano la sicurezza e la tollerabilità valutate in base a eventi avversi, cambiamenti nella frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) e parametri clinici di laboratorio in tutti i pazienti trattati.

Tra il 2013 e 2015, sono stati assegnati in modo casuale 148 pazienti a ricevere Eltrombopag ( n=74 ) e placebo ( n=74 ).
I gruppi sono stati abbinati per età media ( 56.7 anni nel gruppo Eltrombopag versus 56.6 anni nel gruppo placebo ), conta piastrinica iniziale media ( 59.5 x 109/l vs 63.7 x 109/l ) e cariotipo ad alto rischio ( 16 su 74 pazienti in entrambi i gruppi, 22% ).

Gli eventi avversi di grado 3-4 più comuni ( 10% o più in entrambi i gruppi ) sono stati neutropenia febbrile ( 31, 42%, vs 28, 39% ), diminuzione della conta dei globuli bianchi ( 8, 11%, vs 5, 7% ) e ipofosfatemia ( 3, 4%, vs 9, 13% ).

Eventi avversi gravi si sono verificati in 24 pazienti nel gruppo Eltrombopag ( 32% ) rispetto a 14 pazienti nel gruppo placebo ( 20% ).
39 pazienti nel gruppo Eltrombopag ( 53% ) sono morti rispetto a 29 pazienti nel gruppo placebo ( 41% ).
Eventi tromboembolici ( 5, 7%, vs 4, 6% ) e cambiamenti medi di FEVS ( -2.5% vs -4.3% ) sono stati simili.

I dati di questo studio non supportano la combinazione di Eltrombopag con la chemioterapia di induzione nei pazienti con leucemia mieloide acuta. ( Xagena2019 )

Frey N et al, Lancet Haematology 2019; 6: 122-131

Emo2019 Onco2019 Farma2019

Altri articoli