Cilomilast riduce le esacerbazioni di BPCO


Cilomilast ( Ariflo ) è un inibitore selettivo della fosfodiesterasi 4 ( PDE-4 ).
Uno studio multicentrico coordinato da Ricercatori della Nebrasca University ( Usa ) ha valutato l’efficacia di Cilomilast nel trattamento della bronconeumopatia cronica ostruttiva ( BPCO ).

Dopo un periodo di run-in di 4 settimane, in cui ai pazienti di età compresa tra 40 e 80 anni è stato somministrato placebo, i soggetti sono stati assegnati in modo random a ricevere in un rapporto 2:1 Cilomilast 15mg bid o placebo per 24 settimane.

Nell’arco di 24 settimane è stato osservato un aumento di 10ml del volume espiratorio forzato in un secondo ( FEV1 ) nel gruppo Cilomilast contro una riduzione di 30ml nel gruppo placebo ( differenza: 40ml; p = 0.002 ).

Inoltre, è stata osservata una significativa riduzione nel punteggio medio totale alla scala SGRQ ( St. George’s Respiratory Questionnaire ) nei soggetti che hanno assunto Cilomilast, con una differenza di 4.1 unità rispetto ai soggetti trattati con placebo ( p = 0.001 ).

Una maggiore percentuale di soggetti nel gruppo Cilomilast sono risultati liberi da esacerbazione a 24 settimane ( 74%; p = 0.008 ) rispetto ai soggetti nel gruppo placebo ( 62% ).

Le reazioni avverse sono risultate generalmente lievi e moderate, con una maggiore incidenza di disturbi gastrointestinali con interferenza sulle attività giornaliere ( Cilomistat 17%; placebo 8% ).

I dati dello studio hanno dimostrato che Cilomilast permette il mantenimento della funzione polmonare e riduce l’incidenza di esacerbazione di BPCO durante le 24 settimane di trattamento.( Xagena2006 )

Rennard SI et al, Chest 2006; 129: 56-66


Pneumo2006 Farma2006

Altri articoli