Cessazione dell’abitudine al fumo: Chantix associato a rischio di infarto miocardico e di altri eventi cardiovascolari


Un nuovo studio ha mostrato un aumento del rischio di infarto miocardico e di altri eventi cardiovascolari tra i fumatori che assumono Chantix ( Vareniclina; in Italia: Champix ), un farmaco autorizzato per la cessazione dell’abitudine al fumo.
Sono stati esaminati 14 studi che hanno riguardato la Vareniclina, ed è stato trovato un aumento del 72% di questi eventi rispetto ai fumatori che invece avevano assunto un placebo.

La società produttrice, Pfizer, ha indicato che solo l’1.06% di quasi 5.000 persone che stavano assumendo Vareniclina ha riportato un problema cardiovascolare contro lo 0.82% delle persone trattate con placebo.

Questa non è la prima volta che il profilo di sicurezza di Chantix / Champix è stato messo in discussione. Un Black Box è stato aggiunto dall’FDA ( Food and DRug Administration ) alla scheda tecnica di Chantix nel 2009 a causa di un’associazione con pensieri e comportamenti suicidari, depressione, atteggiamento ostile, e altri cambiamenti del comportamento.

L’Agenzia regolatoria degli Stati Uniti a giugno 2011, ha informato gli operatori sanitari riguardo a un piccolo aumento del rischio di attacchi cardiaci e di altri problemi cardiovascolari tra i fumatori con malattie cardiovascolari in trattamento con Vareniclina.

Il nuovo studio ha trovato che anche i soggetti senza una precedente storia di malattia cardiovascolare sono ad aumentato rischio di gravi eventi cardiovascolari quando assumono la Vareniclina.

Analizzando i dati provenienti da 14 studi, i ricercatori hanno scoperto che 52 individui su 4.908 in trattamento con Vareniclina hanno sperimentato un grave evento cardiovascolare, come infarto miocardico, anomalie del ritmo cardiaco, ictus, scompenso cardiaco, o morte cardiovascolare, rispetto a 27 soggetti su 3.308 nel gruppo placebo. ( Xagena2011 )

Fonte: Canadian Medical Association Journal, 2011


Cardio2011 Psyche2011 Farma2011

Altri articoli