Cardioprotezione e sicurezza di Dexrazoxano nei pazienti trattati per nuova diagnosi di leucemia linfoblastica acuta a cellule T o linfoma non-Hodgkin linfoblastico in stadio avanzato


E’ stata determinata l'efficacia oncologica, l'efficacia cardioprotettiva, e la sicurezza di Dexrazoxano ( Savene ) aggiunto alla chemioterapia che includeva una dose di Doxorubicina cumulativa di 360 mg/m2 per il trattamento di bambini e adolescenti con leucemia linfoblastica acuta a cellule T ( T-ALL ) di nuova diagnosi o linfoma non-Hodgkin linfoblastico ( NHL-L ).

I pazienti sono stati trattati nel Pediatric Oncology Group Protocol POG 9404, che comprendeva l'assegnazione casuale al trattamento con o senza Dexrazoxano somministrato in infusione in bolo subito prima di ogni dose di Doxorubicina.

Gli effetti cardiaci sono stati valutati mediante misure ecocardiografiche della funzione e della struttura ventricolare sinistra.

Sono stati arruolati 573 pazienti, di questi 537 erano eleggibili e sono stati assegnati in modo casuale a un braccio con o senza Dexrazoxano.

La sopravvivenza libera da eventi a 5 anni non differiva tra i due gruppi: 76.7% per il gruppo Dexrazoxano rispetto a 76.0% per il gruppo con solo Doxorubicina ( P=0.9 ).

Le frequenze di grave tossicità ematologica di grado 3 o 4, infezioni, eventi del sistema nervoso centrale, e morti tossiche sono state simili in entrambi i gruppi ( P da 0.26 a 0.64 ).
Di 11 secondi tumori, 8 si sono verificati in pazienti che hanno ricevuto Dexrazoxano ( P=0.17 ).

L’accorciamento frazionale medio del ventricolo sinistro, lo spessore della parete, e i punteggi z del rapporto spessore / dimensione misurato 3 anni dopo la diagnosi erano peggiori nel gruppo solo Doxorubicina ( n=55 per gruppo; P minore o uguale a 0.01 per tutti i confronti ).

I punteggi z di accorciamento frazionale medio misurati da 3.5 a 6.4 anni dopo la diagnosi sono rimasti diminuiti, e sono risultati più bassi nei 21 pazienti che hanno ricevuto solo Doxorubicina rispetto ai 31 pazienti che hanno ricevuto Dexrazoxano ( -2.03 vs -0.24; P minore o uguale a 0.001 ).

In conclusione Dexrazoxano ha mostrato attività cardioprotettiva e non ha compromesso l'efficacia antitumorale, non ha aumentato la frequenza delle tossicità, e non è stato associato a un aumento significativo di secondi tumori con questo regime chemioterapico contenente Doxorubicina.
Viene consigliato Dexrazoxano come cardioprotettivo per i bambini e gli adolescenti che hanno tumori trattati con antracicline. ( Xagena2016 )

Asselin BL et al, J Clin Oncol 2016; 34: 854-862

Cardio2016 Ema2016 Onco2016 Pedia2016 Farma2016

Altri articoli