5-Azacitidina e Romidepsina orale mostrano una marcata attività nei pazienti con linfoma a cellule T periferico


I linfomi a cellule T periferici ( PTCL ) sono unicamente sensibili ai modificatori epigenetici.
Sulla base del sinergismo tra inibitori dell'istone deacetilasi e agenti ipometilanti stabiliti in modelli preclinici di PTCL, è stato condotto uno studio di fase 1 su 5-Azacitidina ( Vidaza ) e Romidepsina ( Istodax ) orale in pazienti con tumori linfatici avanzati, con enfasi sui linfomi PTCL.

I pazienti sono stati assegnati a una di 7 coorti con dosi di 5-Azacitidina da 100 mg al giorno nei giorni da 1 a 14 a 300 mg al giorno nei giorni da 1 a 21, dosi di Romidepsina da 10 mg/m2 nei giorni 8 e 15 fino a 14 mg/m2 nei giorni 8, 15 e 22, con cicli da 21 a 35 giorni.

Gli endpoint coprimari includevano la dose massima tollerata ( MTD ) e la tossicità dose-limitante ( DLT ).

Sono stati trattati in totale 31 pazienti.

La dose massima tollerata era: 5-Azacitidina 300 mg nei giorni da 1 a 14 e Romidepsina 14 mg/m2 nei giorni 8, 15 e 22 in un ciclo di 35 giorni.

Le tossicità dose-limitanti includevano trombocitopenia di grado 4, trombocitopenia di grado 3 prolungata, neutropenia di grado 4 e versamento pleurico.

Non ci sono stati decessi correlati al trattamento.

La combinazione è stata sostanzialmente più attiva nei pazienti con linfoma PTCL rispetto a quelli con linfoma non-a-cellule T.

Il tasso di risposta globale in tutti i pazienti con linfoma non-a-cellule T e con linfoma a cellule T è stato rispettivamente del 32%, 10% e 73%, e i tassi di risposta completa sono stati rispettivamente del 23%, 5% e 55%.

Non è stata trovata una associazione tra risposta e livello di demetilazione o profilo mutazionale del tumore.

Questo studio ha stabilito che i modificatori epigenetici combinati sono potentemente attivi nei pazienti con linfoma a cellule T periferico. ( Xagena2019 )

O’Connor OA et al, Blood 2019; 134: 1395-1405

Onco2019 Emo2019 Farma2019

Altri articoli