Avastin per il trattamento delle donne con carcinoma ovarico ricorrente, Platino-sensibile: approvato in Europa


Roche ha annunciato che la Commissione europea ( CE ) ha approvato Avastin ( Bevacizumab ) in combinazione con la chemioterapia standard ( Carboplatino e Gemcitabina ) come trattamento per le donne con prima recidiva di tumore ovarico Platino-sensibile.

Avastin è già stato approvato in Europa come farmaco di prima linea dopo l'intervento chirurgico per il trattamento delle donne con tumore ovarico in fase avanzata.

L'approvazione si è basata sui dati dello studio di fase III OCEANS, che ha mostrato che le donne con recidiva di tumore alle ovaie, Platino-sensibile, che erano state trattate con Avastin in combinazione con la chemioterapia presentavano una più lunga sopravvivenza libera da progressione, rispetto alle donne che avevano ricevuto la sola chemioterapia ( hazard ratio, HR=0.48, p inferiore a 0.0001 ).

Il cancro alle ovaie è l’ottavo tumore più comunemente diagnosticato nelle donne, e la settima causa di morte per cancro tra le donne di tutto il mondo. Ogni anno, in tutto il mondo, a 230.000 donne circa viene diagnosticato un carcinoma alle ovaie, e circa 140.000 muoiono a causa della malattia.
L’intervento chirurgico per rimuovere la maggior quantità di tumore possibile è un elemento basilare del trattamento, ma la maggior parte delle pazienti presenta diagnosi di malattia in stadio avanzato ( quando il cancro è cresciuto o diffuso ) e richiedono, pertanto, trattamento farmacologico.
Le pazienti hanno malattia Platino-sensibile nel caso in cui il tumore dell’ovaio dovesse ripresentarsi dopo 6 mesi dal completamento dell'ultima chemioterapia a base di Platino.
Il carcinoma ovarico è associato con alte concentrazioni del fattore di crescita dell’ endotelio vascolare ( VEGF ), una proteina associata con la crescita tumorale e la sua diffusione. Studi hanno dimostrato una correlazione tra una elevata concentrazione di VEGF, peggioramento della malattia, e una prognosi meno favorevole nelle donne con cancro ovarico. Avastin ha come bersaglio specifico VEGF.

Avastin ha dimostrato, nelle donne con cancro delle ovaie, di prolungare la sopravvivenza senza peggioramento della malattia in 4 grandi studi clinici di fase III ( GOG 0218, ICON7, OCEANS e AURELIA ).
A dicembre 2011, Avastin è stato approvato in Europa per il trattamento delle donne con cancro ovarico avanzato di nuova diagnosi, ( prima linea di trattamento ).

La nuova approvazione permette l'uso di Bevacizumab in combinazione con Carboplatino e Gemcitabina nel trattamento delle pazienti adulte con prima recidiva di tumore epiteliale ovarico Platino-sensibile, cancro delle tube di Falloppio o carcinoma peritoneale primario, che non hanno ricevuto in precedenza terapia con Bevacizumab o con altri inibitori VEGF o altri farmaci che agiscono su VEGFR.
Bevacizumab è somministrato in combinazione con Carboplatino e Gemcitabina per 6 ( fino a 10 ) cicli, seguiti dall'uso continuato di Bevacizumab in monoterapia fino alla progressione della malattia.
La dose raccomandata di Bevacizumab è di 15 mg/kg di peso corporeo, da somministrarsi 1 volta ogni 3 settimane mediante infusione endovenosa. ( Xagena2012 )

Fonte: Roche, 2012


Onco2012 Gyne2012 Farma2012

Altri articoli