Microemorragie cerebrali e rischio di emorragia intracranica nei pazienti anticoagulati per fibrillazione atriale dopo ictus ischemico acuto o attacco ischemico transitorio: studio CROMIS-2


Le microemorragie cerebrali sono un potenziale biomarcatore per il neuroimaging delle malattie cerebrali dei piccoli vasi soggette a sanguinamento intracranico.

Uno studio ha verificato se la presenza di microemorragie cerebrali possa identificare i pazienti ad alto rischio di emorragia intracranica sintomatica quando sono anticoagulati per fibrillazione atriale dopo ictus ischemico recente o attacco ischemico transitorio [ TIA ].

Uno studio di coorte osservazionale, multicentrico e prospettico ha reclutato adulti di 18 anni o più da 79 ospedali nel Regno Unito e uno nei Paesi Bassi con fibrillazione atriale e ictus ischemico recente o attacco ischemico transitorio, trattati con un antagonista della vitamina K o anticoagulante orale diretto, e seguiti per 24 mesi utilizzando questionari, visite ospedaliere e dati del Servizio sanitario nazionale sui ricoveri ospedalieri o sul decesso.

Sono stati esclusi i pazienti che non potevano sottoporsi a risonanza magnetica, che avevano una controindicazione definitiva alla terapia anticoagulante o avevano precedentemente ricevuto una terapia anticoagulante.

L'esito primario era una emorragia intracranica sintomatica verificatasi prima del follow-up finale a 24 mesi.

Tra il 2011 e il 2015, sono stati reclutati 1.490 partecipanti dei quali erano disponibili dati di follow-up per 1.447 ( 97% ), per un periodo medio di 850 giorni.

Il tasso sintomatico di emorragia intracranica nei pazienti con microemorragie cerebrali è stato di 9.8 per 1.000 anni-paziente rispetto a 2.6 per 1.000 anni-paziente in quelli senza microemorragie cerebrali ( hazard ratio aggiustato, aHR=3.67 ).

Rispetto al solo punteggio HAS-BLED ( indice C 0.41 ), i modelli che hanno compreso microemorragie cerebrali e HAS-BLED ( 0.66 ), e microemorragie cerebrali, diabete mellito, tipo di anticoagulante e HAS-BLED ( 0.74 ) hanno predetto una emorragia intracranica sintomatica significativamente migliore ( differenza nell'indice C 0.25, P=0.0065; e 0.33, P=0.00059, rispettivamente ).

Nei pazienti con fibrillazione atriale anticoagulata dopo ictus ischemico recente o attacco ischemico transitorio, la presenza di microemorragie cerebrali è risultata associata indipendentemente al rischio sintomatico di emorragia intracranica, e può fornire informazioni sulle decisioni di anticoagulazione.

Sono necessarie analisi di coorte di osservazione collaborativa su ampia scala per affinare e convalidare i punteggi di rischio di emorragia intracranica che incorporano microemorragie cerebrali per identificare i pazienti a rischio di danno netto dalla anticoagulazione orale. ( Xagena2018 )

Wilson D et al, Lancet Neurol 2018; 17: 539-547

Neuro2018 Cardio2018


Altri articoli