Incidenza e prevalenza di demenza associata a attacco ischemico transitorio e ictus: analisi dell’Oxford Vascular Study


Il rischio di demenza dopo l'ictus è una delle maggiori preoccupazioni per i pazienti e per chi si prende cura di loro.
Dati affidabili per il rischio di demenza, in particolare dopo un attacco ischemico transitorio ( TIA ) o ictus minore, sono scarsi.
Sono stati studiati i rischi e i fattori di rischio per la demenza prima e dopo attacco ischemico transitorio e ictus.

L'Oxford Vascular Study è uno studio prospettico di incidenza di tutti gli eventi vascolari in una popolazione di 92.728 persone residenti nell'Oxfordshire, nel Regno Unito.
I pazienti con attacco ischemico transitorio o ictus che si sono verificati tra il 2002 e il 2012 sono stati accertati con diversi metodi, inclusa la valutazione in una clinica di emergenza giornaliera dedicata e una revisione giornaliera di tutti i ricoveri ospedalieri.

La demenza pre-evento e post-evento ( incidente ) è stata diagnosticata al momento della valutazione iniziale e durante il follow-up di 5 anni sulla base di test cognitivi integrati dai dati ottenuti dalle ricerche nei registri ospedalieri e di assistenza primaria.
È stata presa in esame l'associazione tra demenza post-evento e gravità dell'ictus ( misurata con il punteggio alla scala NIHSS ( National Institutes of Health Stroke Scale ), localizzazione ( ad es. disfasia ), eventi precedenti, marcatori di suscettibilità o di riserva ( età, bassa istruzione, dipendenza pre-morbosa, leucoaraiosi ), attività cognitiva di base e fattori di rischio vascolare aggiustando per età, sesso e istruzione.

Sono state confrontate l'incidenza e la prevalenza della demenza nella popolazione con i tassi pubblicati della popolazione nel Regno Unito abbinata per età e sesso.

Tra 2.305 pazienti ( età media 74.4 anni ), 688 ( 30% ) avevano attacchi ischemici transitori e 1.617 ( 70% ) avevano ictus.

La demenza pre-evento è stata diagnosticata in 225 pazienti; la prevalenza era più alta nell'ictus grave ( cioè punteggio NIHSS superiore a 10 ) e più bassa nell'attacco ischemico transitorio.

Su 2.080 pazienti senza demenza pre-evento, 1.982 ( 95% ) sono stati seguiti fino alla fine dello studio o della morte.

La demenza post evento si è verificata in 432 pazienti su 2.080 durante i 5 anni di follow-up.

L'incidenza della demenza post-evento a 1 anno è stata del 34.4% nei pazienti con ictus grave ( punteggio NIHSS superiore a 10 ), 8.2% in quelli con ictus minore ( punteggio NIHSS inferiore a 3 ) e 5.2% in quelli con attacco ischemico transitorio.

Rispetto alla popolazione britannica corrispondente per età e sesso, il rapporto di morbilità standardizzato a 1 anno per l'incidenza di demenza è stato, rispettivamente, pari a 47.3, 5.8 e 3.5.
Di conseguenza, la prevalenza della demenza nei sopravvissuti a 1 anno è stata anticipata di circa 25 anni in coloro che avevano avuto un ictus grave, 4 anni in quelli che avevano avuto ictus minore e 2 anni in quelli che avevano avuto attacchi ischemici transitori.

Il rischio a 5 anni di demenza era associato a età, gravità dell'evento, ictus precedente, disfasia, attività cognitiva di base, bassa istruzione, dipendenza pre-morbosa, leucoaraiosi e diabete ( P minore di 0.0001 per tutti i confronti, eccetto per precedente ictus, P=0.006 ).

L'incidenza della demenza nei pazienti che hanno avuto un ictus o un TIA varia in modo sostanziale in base alle caratteristiche cliniche, inclusi il carico di lesione e i fattori di suscettibilità.
L'incidenza di demenza è quasi 50 volte più alta nell'anno dopo un ictus maggiore rispetto a quello nella popolazione generale, ma il rischio in eccesso è sostanzialmente inferiore dopo attacco ischemico transitorio e ictus minore. ( Xagena2019 )

Pendlebury ST et al, Lancet Neurology 2019; 18; 248-258

Neuro2019


Altri articoli