Rivaroxaban con o senza Aspirina nei pazienti con malattia arteriosa periferica o malattia carotidea stabile


I pazienti con malattia delle arterie periferiche presentano un aumentato rischio di morbilità e mortalità cardiovascolare. Gli agenti antipiastrinici sono ampiamente usati per ridurre queste complicanze.

È stato effettuato uno studio multicentrico, in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo, che ha reclutato pazienti in 602 ospedali di 33 Paesi in 6 continenti.
I pazienti eleggibili avevano una storia di malattia delle arterie periferiche degli arti inferiori ( precedente intervento di bypass periferico o angioplastica, amputazione di arti o piedi, claudicazione intermittente con evidenza oggettiva di malattia delle arterie periferiche ), delle arterie carotidi ( precedente rivascolarizzazione dell'arteria carotide o stenosi asintomatica dell’arteria carotide di almeno il 50% ), o malattia coronarica con indice caviglia-braccio inferiore a 0.90.

Dopo un periodo di run-in di 30 giorni, i pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Rivaroxaban orale ( 2.5 mg due volte al giorno ) [ Xarelto ] più Aspirina ( 100 mg una volta al giorno ) [ Acido Acetilsalicilico ], Rivaroxaban due volte al giorno ( 5 mg con Aspirina placebo una volta al giorno ) o Aspirina una volta al giorno ( 100 mg e Rivaroxaban placebo due volte al giorno ).

L'esito primario era la morte cardiovascolare, infarto del miocardio o ictus; l'esito primario di malattia delle arterie periferiche era un evento avverso maggiore degli arti, compresa l'amputazione maggiore.

Tra il 2013 e il 2016, sono stati arruolati 7.470 pazienti con malattia delle arterie periferiche da 558 Centri.

La combinazione di Rivaroxaban più Aspirina rispetto alla sola Aspirina ha ridotto l'endpoint composito di morte cardiovascolare, infarto miocardico o ictus ( 126 su 2.492, 5%, vs 174 su 2.504, 7%; hazard ratio, HR 0.72; P=0.0047 ) e gli eventi avversi maggiori degli arti inclusa l’amputazione maggiore ( 32, 1%, vs 60, 2%; HR=0.54; P=0.0037 ).

Rivaroxaban 5 mg due volte al giorno rispetto all'Aspirina da sola non ha ridotto significativamente l'endpoint composito ( 149 su 2474, 6%, vs 174 su 2.504, 7%; HR=0.86; P=0.19 ), ma ha ridotto gli eventi avversi maggiori degli arti, inclusa l'amputazione maggiore ( 40, 2%, vs 60, 2%; HR=0.67; P=0.05 ).

La durata mediana del trattamento è stata di 21 mesi.

L'uso della combinazione di Rivaroxaban più Aspirina ha aumentato il sanguinamento maggiore rispetto al gruppo con la sola Aspirina ( 77 su 2.492, 3%, vs 48 su 2.504, 2%; HR=1.61; P=0.0089 ), che è stato principalmente gastrointestinale.
Allo stesso modo, il sanguinamento maggiore si è verificato in 79 su 2.474 pazienti ( 3% ) con Rivaroxaban 5 mg e in 48 su 2.504 ( 2% ) nel gruppo Aspirina da sola ( HR=1.68; P=0.0043 ).

Rivaroxaban a basso dosaggio assunto due volte al giorno più Aspirina una volta al giorno ha ridotto i principali eventi avversi cardiovascolari e degli arti rispetto alla sola Aspirina.
Sebbene il sanguinamento maggiore sia aumentato, il sanguinamento fatale o critico degli organi non è aumentato.
Questa terapia combinata rappresenta un importante progresso nella gestione dei pazienti con malattia delle arterie periferiche.
Rivaroxaban da solo non ha ridotto significativamente gli eventi cardiovascolari avversi maggiori rispetto all'Asprina da sola, ma ha ridotto gli eventi degli arti avversi maggiori e aumentato il sanguinamento maggiore. ( Xagena2018 )

Anand SS et al, Lancet 2018; 391: 219-229

Cardio2018 Farma2018

Altri articoli