Aspirina e Rivaroxaban, efficacia simile nella prevenzione dell'ictus embolico di origine indeterminata, ma l'Aspirina è più sicura


I dati dello studio NAVIGATE ESUS hanno mostrato che nei pazienti con ictus embolico di origine indeterminata e aterosclerosi carotidea, l'Aspirina [ Acido Acetilsalicilico ] e il Rivaroxaban ( Xarelto ) sono risultati ugualmente efficaci nel prevenire l'ictus ricorrente; l'Aspirina è risultata più sicura.

L'analisi non ha mostrato alcuna differenza statisticamente significativa nell'esito primario della recidiva di ictus ischemico a un follow-up mediano di 11 mesi tra le terapie nei pazienti con stenosi carotidea ( Rivaroxaban, 5 su 100 anni-paziente; Aspirina, 5.9 per 100 anni-paziente; hazard ratio, HR = 0.85; IC 95%, 0.39-1.87 ) o pazienti con placche carotidee ( Rivaroxaban, 5.9 per 100 anni-paziente; Aspirina, 4.9 per 100 anni-paziente; HR = 1.2; 95% CI, 0.86-1.68 ).

E' stato osservato che i pazienti con placca carotidea trattati con Rivaroxaban avevano una incidenza più elevata di sanguinamento maggiore rispetto a quelli trattati con Aspirina ( 2 per 100 anni-paziente contro 0.5 per 100 anni-paziente; HR = 3.75; 95% CI, 1.63-8.65 ).

È stato ipotizzato che l'assenza di benefici per la riduzione dell'ictus nello studio NAVIGATE-ESUS potrebbe essere attribuita all'inclusione di pazienti con aterosclerosi carotidea non-stenotica, che potrebbero rispondere meglio all'inibizione antipiastrinica piuttosto che all'anticoagulazione orale.
Nella analisi, non vi è stata alcuna interazione terapeutica statisticamente significativa tra i pazienti con e senza stenosi o placca carotidea; tuttavia, ci sono state tendenze di diversi effetti del trattamento tra i partecipanti con aterosclerosi carotidea versus senza aterosclerosi carotidea.

Secondo lo studio, rispetto ai pazienti con stenosi carotidea, quelli senza incidenza presentavano simile recidiva di ictus ischemico ( con stenosi: 5.4 per 100 anni-paziente; senza stenosi: 4.9 per 100 anni-paziente; HR, 1.11; IC al 95%, 0.73- 1.69 ).

Inoltre, i pazienti con placca carotidea avevano un tasso significativamente maggiore di ictus ischemico rispetto a quelli senza ( 5.4 per 100 anni-paziente contro 4.3 per 100 anni-paziente, HR; 1.23; IC al 95%, 0.99-1.54 ).

Sono stati presi in esame i dati dei pazienti ( età media, 67 anni; 38% donne ) dello studio NAVIGATE-ESUS, confrontando una dose giornaliera di 15 mg di Rivaroxaban con 100 mg di Aspirina, per determinare l'efficacia dei regimi antitrombotici nei pazienti con aterosclerosi carotidea, identificati come stenosi carotidea o placca carotidea.

La sottoanalisi della stenosi carotidea è stata effettuata su 4.644 pazienti ( 38.1% donne ) e la sottoanalisi della placca carotidea è stata eseguita su 7.212 pazienti ( 38.5% donne ).

L'Aspirina è risultata più sicura di Rivaroxaban. ( Xagena2019 )

Fonte: Stroke, 2019

Neuro2019 Cardio2019 Farma2019

Altri articoli