Studio LIBERTY ASTHMA QUEST: Dupilumab riduce le gravi riacutizzazioni e migliora la funzionalità polmonare nei pazienti con asma moderato-grave a insorgenza tardiva, non-controllato


Dupilumab ( Dupixent ), un anticorpo monoclonale del recettore alfa dell'interleuchina-4 ( IL-4 ) completamente umano, inibisce la segnalazione di IL-4 e IL-13, che sono i fattori chiave dell'infiammazione di tipo 2.

Nello studio di fase 3 LIBERTY ASTHMA QUEST, l'aggiunta di Dupilumab 200 mg e 300 mg ogni 2 settimane ( q2w ), rispetto al placebo, ha ridotto significativamente i tassi annualizzati di grave esacerbazione, ha migliorato il volume espiratorio forzato in 1 secondo ( FEV1 ) pre-broncodilatazione, e ha migliorato le misure di qualità di vita nella popolazione complessiva dei pazienti con asma moderato-grave, non-controllato.

Gli effetti del trattamento sono risultati maggiori quando i biomarcatori di tipo 2 al basale erano elevati ( eosinofili nel sangue maggiori o uguali a 150 cellule / microL o ossido nitrico esalato frazionato [ FeNO ] maggiore o uguale a 25 ppb ).

Questa analisi post hoc ha valutato l'efficacia di Dupilumab nei pazienti con insorgenza tardiva dell'asma ( età superiore a 40 anni ) e il rapporto FEV1 / FVC ( capacità vitale forzata ) basale post-broncodilatazione inferiore a 0.7 ( indicante ostruzione fissa delle vie aeree ) o maggiore o uguale a 0.7.

Dupilumab 200 mg e 300 mg q2w rispetto al placebo ha ridotto significativamente il tasso annualizzato di gravi esacerbazioni nei pazienti con asma a insorgenza tardiva e ostruzione fissa delle vie aeree ( rispettivamente, -68.8% e -75.7%, entrambi P inferiore a 0.0001 ) e nei pazienti senza ostruzione fissa delle vie aeree ( rispettivamente, -55.1% e -50-7%, entrambi P inferiore a 0.05 ).

Alla settimana 12, FEV1 pre- e post-broncodilatazione e il rapporto FEV1/FVC è migliorato nei pazienti trattati con Dupilumab con asma a insorgenza tardiva e ostruzione fissa delle vie aeree ( P inferiore a 0.05 versus placebo, o entrambe le dosi ); miglioramenti simili sono stati osservati alla settimana 52 ( Dupilumab 200 mg q2w P inferiore a 0.05 per FEV1 pre- e post-broncodilatazione; Dupilumab 300mg q2w pre-broncodilatazione per FEV1 P = 0.09, post-broncodilatazione per FEV1 P = 0.06 ).

I pazienti asmatici a insorgenza tardiva senza ostruzione delle vie aeree fisse hanno presentato miglioramenti più modesti rispetto al placebo in FEV1 pre-broncodilatatazione alle settimane 12 e 52 rispetto a quelli con ostruzione fissa delle vie aeree ( P maggiore o uguale a 0.05 ).

L'evento avverso più frequente nei gruppi trattati con Dupilumab rispetto al placebo sono state le reazioni al sito di iniezione ( 15%-18% versus 5%-10%, rispettivamente ).

In conclusione, nei pazienti con asma a insorgenza tardiva con o senza ostruzione fissa delle vie aeree, Dupilumab ha ridotto significativamente i tassi di grave esacerbazione.
Inoltre, sono stati osservati miglioramenti della funzionalità polmonare alle settimane 12 e 52 nei pazienti con asma a insorgenza tardiva e ostruzione fissa delle vie aeree, che in genere hanno esiti meno favorevoli rispetto a quelli con asma ma senza ostruzione fissa delle vie aeree. ( Xagena2019 )

Fonte: American Thoracic Society (ATS) Conference, 2019

Pneumo2019 Farma2019

Altri articoli