Sicurezza ed efficacia a lungo termine di Benralizumab nei pazienti con asma grave e incontrollato: esiti a 1 anno dello studio di estensione di fase 3 BORA


Benralizumab ( Fasenra ) è un anticorpo monoclonale citolitico mirato al recettore alfa della interleuchina-5 ( IL-5 ), che ha dimostrato di ridurre in modo sicuro le esacerbazioni e migliorare la funzionalità polmonare dei pazienti con asma.
Sono state valutate la sicurezza e l'efficacia a lungo termine di Benralizumab per i pazienti con asma eosinofilo grave e incontrollato.

È stato condotto uno studio di estensione di fase 3 randomizzato, in doppio cieco, a gruppi paralleli in 447 siti in 24 Paesi.
I pazienti eleggibili dovevano aver completato gli studi SIROCCO o CALIMA e aver subito la somministrazione di Benralizumab sottocutaneo 30 mg ogni 4 settimane ( Q4W ) o ogni 8 settimane ( Q8W ).

I pazienti che avevano ricevuto placebo in tali studi sono stati ri-randomizzati a Benralizumab 30 mg Q4W o Q8W ( prime tre dosi a 4 settimane di distanza ).
Il trattamento è durato 56 settimane per i pazienti adulti di età a partire da 18 anni, e 108 settimane per i pazienti adolescenti di età tra 12 e 17 anni.

L'endpoint primario era la sicurezza e la tollerabilità dei due regimi di dosaggio di Benralizumab fino a 68 settimane per i pazienti adulti ( inclusa la visita di controllo post-trattamento ) e fino a 56 settimane per i pazienti adolescenti.
Questo endpoint è stato valutato nel set completo di analisi, che comprendeva tutti i pazienti degli studi precedenti SIROCCO e CALIMA che hanno ricevuto almeno una dose di trattamento in studio in BORA e non hanno proseguito in un altro studio.

Tra il 2014 e il 2016 sono stati arruolati 1.926 pazienti, di cui 633 hanno ricevuto Benralizumab Q4W e 639 hanno ricevuto Benralizumab Q8W in SIROCCO o CALIMA.
I rimanenti 654 pazienti avevano ricevuto placebo in questi studi e sono stati assegnati in modo casuale a questo studio per ricevere Benralizumab Q4W ( n = 320 ) oppure Q8W ( n = 334 ).
1.576 pazienti, inclusi 783 che hanno ricevuto Benralizumab Q4W ( 265 nuovi assegnati ) e 793 che hanno ricevuto Benralizumab Q8W ( 281 nuovi assegnati ), sono stati inclusi nel set completo di analisi.

Gli eventi avversi più comuni in tutti i gruppi erano l'infezione virale del tratto respiratorio superiore ( 14-16% ) e il peggioramento dell'asma ( 7-10% ).

Gli eventi avversi gravi più comuni sono stati aggravamento dell'asma ( 3-4% ), polmonite ( da meno dell’1% fino all'1% ), e polmonite causata da una infezione batterica ( 0-1% ).

Le percentuali di pazienti che hanno manifestato un evento avverso durante il trattamento, qualsiasi evento avverso grave o qualsiasi evento avverso che ha portato all'interruzione del trattamento durante BORA erano simili tra i pazienti originariamente assegnati a Benralizumab e quelli originariamente assegnati al placebo e tra i regimi di trattamento di Benralizumab.

La percentuale di pazienti che ha presentato un evento avverso è stata simile tra SIROCCO o CALIMA ( 71-75%, solo gruppo Benralizumab ) e BORA ( 65-71% ), così come la percentuale di pazienti che hanno manifestato un evento avverso che ha portato all'interruzione del trattamento ( 2% in SIROCCO e CALIMA vs 2-3% in BORA ).

I 2 anni di risultati di sicurezza hanno convalidato le osservazioni riscontrate nel primo anno di Benralizumab e continuate durante un secondo anno di trattamento.
Non si sono verificate nuove conseguenze della deplezione degli eosinofili a lungo termine. L'incidenza di altri eventi avversi, comprese le infezioni opportunistiche, è stata simile durante il secondo anno. ( Xagena2019 )

Busse WW et al, Lancet Respiratory Medicine 2019; 7: 46-59

Pneumo2019 Farma2019

Altri articoli