Sicurezza ed efficacia della neurostimolazione con un dispositivo miniaturizzato di stimolazione del nervo vago in pazienti con artrite reumatoide multiresistente ai farmaci


Il riflesso infiammatorio svolge un ruolo nella regolazione dell'immunità innata e adattativa modulando le vie infiammatorie cellulari e molecolari.
Il nervo vago è uno dei principali costituenti del riflesso infiammatorio e studi hanno dimostrato che il riflesso può essere attivato dalla stimolazione elettrica del nervo vago.

Nel primo studio pilota sull'uomo sono state valutate la sicurezza e l'efficacia di un nuovo dispositivo miniaturizzato di stimolazione del nervo vago ( VNS ) per il trattamento dell'artrite reumatoide multifarmaco-refrattaria.

I partecipanti con artrite reumatoide da moderatamente a gravemente attiva e precedente risposta insufficiente a due o più farmaci antireumatici biologici modificanti la malattia o inibitori delle Janus chinasi con almeno due diverse modalità di azione sono stati arruolati in uno studio in due fasi condotto in cinque siti di ricerca clinica negli USA.

La fase 1 era in aperto; ai partecipanti è stato impiantato un dispositivo miniaturizzato per , la stimolazione del nervo vago che è stato attivato per 1 minuto una volta al giorno.

Nella fase 2, i partecipanti sono stati assegnati in modo casuale in cieco a ricevere una stimolazione attiva ( 1 minuto una volta al giorno o 1 minuto quattro volte al giorno ) o una stimolazione simulata ( dispositivo impiantato ma non-attivato ).

L'esito primario era l'incidenza di eventi avversi emergenti dal trattamento. L'efficacia clinica è stata valutata come un esito secondario chiave.

Tra marzo e agosto 2018 sono stati arruolati 14 pazienti. Tre pazienti hanno ricevuto stimolazione nella fase 1 e, dopo l'approvazione del Comitato di revisione della sicurezza, i restanti 11 pazienti sono stati impiantati durante la fase 2 e assegnati in modo casuale a ricevere 1 minuto di stimolazione una volta al giorno ( n=3 ), 1 minuto di stimolazione quattro volte al giorno ( n=4 ) o nessuna stimolazione ( n=4 ) per 12 settimane.

Non si sono verificati eventi avversi gravi correlati al dispositivo o al trattamento. Gli eventi avversi correlati alla chirurgia sono stati la sindrome di Horner e la paralisi delle corde vocali in un paziente ciascuna, che si sono risolte senza sequele clinicamente significative. Non sono stati registrati decessi.

La stimolazione del nervo vago con un neurostimolatore miniaturizzato è stata sicura e ben tollerata e ha ridotto i segni e i sintomi dell'artrite reumatoide nei pazienti con malattia multiresistente ai farmaci.
Questi risultati supportano una ulteriore valutazione in uno studio più ampio e randomizzato controllato con simulazione di trattamento. ( Xagena2020 )

Genovese MC et al, Lancet Rheumatology 2020; 2: 527-538

Reuma2020


Altri articoli