Upadacitinib versus Adalimumab nell'artrite psoriasica


L'inibitore della Janus chinasi Upadacitinib ( Rinvoq ) è un potenziale trattamento per l'artrite psoriasica.
L'efficacia e la sicurezza di Upadacitinib rispetto ad Adalimumab ( Humira ), un inibitore del fattore di necrosi tumorale alfa ( TNF-alfa ), nei pazienti che hanno una risposta inadeguata ai farmaci antireumatici modificanti la malattia ( DMARD ) non-biologici non sono ben definite.

In uno studio di fase 3 di 24 settimane, sono stati assegnati in modo casuale i pazienti a ricevere Upadacitinib orale alla dose di 15 mg o 30 mg una volta al giorno, placebo o Adalimumab sottocutaneo ( 40 mg a settimane alterne ).

L'endpoint primario era una risposta ACR20 ( American College of Rheumatology 20 ) ( diminuzione del 20% o superiore del numero di articolazioni dolenti e gonfie e miglioramento del 20% o superiore in almeno 3 su altri 5 domini ) alla settimana 12 con Upadacitinib rispetto a placebo.
Gli endpoint secondari includevano il confronto di Upadacitinib con Adalimumab.

In totale 1.704 pazienti hanno ricevuto un farmaco attivo o un placebo. La percentuale di pazienti che hanno avuto una risposta ACR20 alla settimana 12 è stata del 70.6% con Upadacitinib 15 mg, 78.5% con Upadacitinib 30 mg, 36.2% con placebo ( P minore di 0.001 per entrambe le dosi di Upadacitinib vs placebo ) e 65.0% con Adalimumab.

La differenza tra i gruppi per Upadacitinib 15 mg rispetto ad Adalimumab è stata di 5.6 punti percentuali e per Upadacitinib 30 mg rispetto ad Adalimumab è stata di 13.5 punti percentuali.

Entrambe le dosi di Upadacitinib sono risultate non-inferiori ad Adalimumab per la risposta ACR20 alla settimana 12; la dose da 30 mg ma non la dose da 15 mg era superiore ad Adalimumab.

L'incidenza di eventi avversi fino alla settimana 24 è stata del 66.9% con Upadacitinib 15 mg, 72.3% con Upadacitinib 30 mg, 59.6% con placebo e 64.8% con Adalimumab.

Si sono verificate infezioni gravi rispettivamente nell'1.2%, 2.6%, 0.9% e 0.7% dei pazienti. Disturbi epatici si sono verificati nel 9.1% dei pazienti nel gruppo Upadacitinib 15 mg e nel 12.3% nel gruppo Upadacitinib 30 mg, ma aumenti di grado 3 dei livelli di aminotransferasi si sono verificati nel 2% dei pazienti o meno in tutti i gruppi.

La percentuale di pazienti con artrite psoriasica che hanno presentato una risposta ACR20 alla settimana 12 è risultata significativamente più alta con Upadacitinib 15 mg o 30 mg rispetto al placebo.
La dose da 30 mg ma non la dose da 15 mg è stata superiore ad Adalimumab. Gli eventi avversi sono stati più frequenti con Upadacitinib che con placebo. ( Xagena2021 )

McInnes IB et al, N Engl J Med 2021; 384: 1227-1239

Reuma2021 Dermo2021 Farma2021

Altri articoli