Efficacia e sicurezza di Guselkumab nei pazienti con artrite psoriasica attiva


Guselkumab ( Tremfya ), un anticorpo monoclonale umano che si lega alla subunità p19 dell'interleuchina 23, è stato approvato per il trattamento della psoriasi da moderata a grave.
L'artrite psoriasica è una comune comorbilità della psoriasi con necessità di nuovi trattamenti.

Uno studio ha valutato l'efficacia e la sicurezza di Guselkumab nei pazienti con artrite psoriasica attiva.

Lo studio di fase 2a, randomizzato e controllato con placebo, in doppio cieco, è stato condotto in 34 cliniche di reumatologia e dermatologia in Canada, Germania, Polonia, Romania, Russia, Spagna e Stati Uniti.
I partecipanti eleggibili avevano un'età pari o superiore a 18 anni con artrite psoriasica attiva e psoriasi a placche che interessava almeno il 3% della superficie corporea, con 3 o più di 66 articolazioni dolenti e 3 o più di 68 articolazioni gonfie, con risposta inadeguata o intolleranza ai trattamenti standard.

I pazienti sono stati assegnati casualmente, stratificando per precedente uso di fattore anti- necrosi tumorale alfa ( anti-TNF-alfa ), a ricevere Guselkumab 100 mg per via sottocutanea o placebo alla settimana 0, alla settimana 4 e ogni 8 settimane da lì in poi per 24 settimane.

Alla settimana 16, i pazienti con meno del 5% di miglioramento nella conta delle articolazioni gonfie e dolenti potevano passare a Ustekinumab.
Alla settimana 24, i restanti pazienti trattati con placebo sono passati a ricevere Guselkumab 100 mg alle settimane 24, 28, 36 e 44 e i pazienti trattati con Guselkumab hanno ricevuto una iniezione di placebo alla settimana 24, seguita da iniezioni di Guselkumab alle settimane 28, 36 e 44.

L'endpoint primario era la proporzione di pazienti con un miglioramento di almeno il 20% alla settimana 24 in segni e sintomi di artrite psoriasica secondo i criteri American College of Rheumatology ( ACR20 ) nella popolazione modificata intention-to-treat ( cioè, tutti pazienti assegnati a caso che hanno ricevuto almeno una dose di trattamento in studio ).
Le analisi di sicurezza includevano pazienti a seconda del farmaco in studio ricevuto.

Tra il 2015 e il 2017, sono stati assegnati casualmente al trattamento 149 pazienti: 100 a Guselkumab e 49 a placebo.
17 pazienti su 49 ( 35% ) nel gruppo placebo e 10 pazienti su 100 ( 10% ) nel gruppo Guselkumab erano eleggibili per passare precocemente a Ustekinumab alla settimana 16.
29 pazienti su 49 ( 59% ) nel gruppo placebo hanno ricevuto Guselkumab alla settimana 24.

3 pazienti su 49 ( 6% ) nel gruppo placebo, 1 su 29 pazienti ( 3% ) passati da placebo a Guselkumab e 6 su 100 pazienti ( 6% ) nel gruppo Guselkumab hanno interrotto il trattamento prima della settimana 44.

58 su 100 pazienti ( 58% ) nel gruppo trattato con Guselkumab e 9 su 49 pazienti ( 18% ) nel gruppo placebo hanno ottenuto una risposta ACR20 alla settimana 24 ( differenza percentuale 39.7%; P minore di 0.0001 ).

Tra la settimana 0 e la settimana 24, 36 su 100 pazienti ( 36% ) trattati con Guselkumab e 16 su 49 pazienti ( 33% ) trattati con placebo hanno presentato almeno un evento avverso.

L'evento avverso più frequente era l'infezione in entrambi i gruppi ( 16 su 100 pazienti, 16%, nel gruppo Guselkumab vs 10 su 49 pazienti, 20%, nel gruppo placebo ).

La prevalenza di eventi avversi tra la settimana 0 e la settimana 56 nei pazienti trattati con Guselkumab ( 51 su 129, 40% ) non ha indicato un aumento sproporzionato con una esposizione a Guselkumab più lunga.

Non si sono verificati decessi.

Guselkumab, un nuovo anticorpo anti-interleuchina 23 p19, ha significativamente migliorato segni e sintomi della artrite psoriasica attiva, ed è stato ben tollerato durante 44 settimane di trattamento.
I risultati di questo studio supportano l'ulteriore sviluppo di Guselkumab come nuovo e completo trattamento nell'artrite psoriasica. ( Xagena2018 )

Deodhar A et al, Lancet 2018; 391: 2213-2224

Reuma2018 Farma2018

Altri articoli