Prevenzione della polmonite precoce associata alla ventilazione meccanica dopo arresto cardiaco


I pazienti sottoposti a una gestione mirata della temperatura dopo un arresto cardiaco extraospedaliero con ritmo defibrillabile sono ad aumentato rischio di polmonite associata alla ventilazione.
Non è stato dimostrato il beneficio della terapia antibiotica a breve termine preventiva.

È stato condotto uno studio multicentrico, in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo che ha coinvolto pazienti adulti di età a partire da 18 anni in Unità di terapia intensiva ( UTI ) che erano stati ventilati meccanicamente dopo un arresto cardiaco extraospedaliero correlato al ritmo defibrillabile iniziale e sottoposti a una gestione mirata della temperatura tra 32 e 34 °C.

Sono stati esclusi i pazienti con terapia antibiotica in corso, colonizzazione cronica con batteri multi-resistenti o in stadio terminale.

Amoxicillina - Clavulanato ( Augmentin ) per via endovenosa ( rispettivamente a dosi di 1 g e 200 mg ) oppure placebo è stato somministrato tre volte al giorno per 2 giorni, a partire da meno di 6 ore dopo l'arresto cardiaco.

L'esito primario era la polmonite precoce associata alla ventilazione ( durante i primi 7 giorni di ricovero ).

In totale 198 pazienti sono stati sottoposti a randomizzazione e 194 sono stati inclusi nell'analisi.

Dopo l'assegnazione, sono stati confermati 60 casi di polmonite associata alla ventilazione, inclusi 51 casi di polmonite precoce associata alla ventilazione.

L'incidenza della polmonite precoce associata alla ventilazione è risultata inferiore con la profilassi antibiotica rispetto al placebo ( 19 pazienti, 19%, vs 32, 34%; hazard ratio, HR=0.53; P=0.03 ).

Non sono state osservate differenze significative tra il gruppo con antibiotici e il gruppo di controllo rispetto all'incidenza di polmonite tardiva associata alla ventilazione ( 4% e 5%, rispettivamente ), il numero di giorni senza ventilazione ( 21 giorni e 19 giorni ), durata del soggiorno in UTI ( 5 giorni e 8 giorni se i pazienti sono stati dimessi e 7 giorni e 7 giorni se i pazienti sono deceduti ) e mortalità al giorno 28 ( 41% e 37% ).

Al giorno 7, non è stato identificato alcun aumento di batteri resistenti.

Gli eventi avversi gravi non differivano significativamente tra i due gruppi.

Un ciclo di 2 giorni di terapia antibiotica con Amoxicillina e Clavulanato nei pazienti che hanno ricevuto una strategia mirata di gestione della temperatura da 32 a 34 °C dopo un arresto cardiaco extraospedaliero con iniziale ritmo defibrillabile ha prodotto una minore incidenza di polmonite precoce associata alla ventilazione, rispetto al placebo.
Non sono state osservate differenze significative tra i gruppi per altre variabili cliniche chiave, come i giorni senza ventilazione e la mortalità al giorno 28. ( Xagena2019 )

François B et al, N Engl J Med 2019; 381: 1831-1842

Med2019 Pneumo2019 Cardio2019 Farma2019

Altri articoli