Gestione periprocedurale di farmaci antitrombotici nei pazienti con malattia cerebrovascolare ischemica


Sono state valutate le evidenze per quanto riguarda la gestione periprocedurale dei farmaci antitrombotici nei pazienti con malattia cerebrovascolare ischemica mediante una revisione sistematica della letteratura completata con raccomandazioni pratiche.

I medici che gestiscono farmaci antitrombotici periprocedurali devono soppesare i rischi di sanguinamento dovuto al proseguimento della somministrazione del farmaco contro i rischi tromboembolici da sospensione del farmaco.

I pazienti con ictus sottoposti a procedure odontoiatriche di routine dovrebbero continuare ad assumere Aspirina [ Acido Acetilsalicilico ] ( Livello A ).

I pazienti con ictus sottoposti ad anestesia oculare invasiva, chirurgia della cataratta, procedure dermatologiche, biopsia prostatica transrettale ecoguidata, procedure spinali / epidurali e chirurgia del tunnel carpale probabilmente dovrebbero continuare ad assumere Aspirina ( Livello B ).

Alcuni pazienti con ictus sottoposti a chirurgia vitreoretinica, EMG ( elettromiografia ), biopsia transbronchiale, polipectomia in colonscopia, endoscopia superiore e biopsia / sfinterotomia e biopsie addominali eco-guidate devono possibilmente continuare l'assunzione di Aspirina (Livello C).

I pazienti con ictus che richiedono Warfarin [ Coumadin ] dovrebbero continuare con la terapia in modo abituale quando sottoposti a procedure odontoiatriche ( Livello A ) e possibilmente continuare ad assumerlo anche per le procedure dermatologiche ( Livello B ).

Alcuni pazienti sottoposti a elettromiografia, procedure prostatatiche, erniorrafia inguinale, e ablazione endotermica della vena grande safena dovrebbero possibilmente continuare ad assumere Warfarin ( Livello C ).

Il Warfarin probabilmente non aumenta sanguinamenti clinicamente importanti con l'anestesia oculare ( Livello B ); tuttavia altri studi oftalmologici mancano della precisione statistica necessaria per formulare raccomandazioni ( Livello U ).

Il Warfarin può aumentare il sanguinamento durante la polipectomia colonoscopica ( Livello C ).
Non ci sono evidenze sufficienti per sostenere o sconsigliare una terapia ponte periprocedurale con Eparina per ridurre gli eventi tromboembolici nei pazienti cronicamente anticoagulati ( Livello U ).
La terapia ponte è probabilmente associata a un aumentato rischio di sanguinamento rispetto alla interruzione della terapia con Warfarin ( Livello B ).
La differenza di rischio, rispetto al Warfarin continuativo, è sconosciuta ( Livello U ). ( Xagena2013 )

Armstrong MJ et al, Neurology 2013; 80: 22: 2065-2069

Neuro2013 Emo2013 Farma2013

Altri articoli