Quantità definite di antiossidanti nella dieta possono migliorare la resistenza all'insulina


Secondo uno studio preliminare presentato al 92nd Annual Meeting dell’Endocrine Society, una dieta ricca di antiossidanti naturali migliora la sensibilità all'insulina negli adulti obesi insulino-resistenti e potenzia l'effetto della Metformina ( Glucophage ), farmaco insulino-sensibilizzante.

Gli effetti benefici degli antiossidanti sono noti, ma per la prima volta è stata rivelata una delle loro basi biologiche di azione, cioè migliorare l'attività ormonale in soggetti obesi con sindrome metabolica.

La sindrome metabolica è un cluster di fattori di rischio metabolici per lo sviluppo di diabete, malattie cardiache e ictus. Le persone con questa sindrome non possono utilizzare in modo efficiente l'insulina, l'ormone che regola i livelli di glicemia.

Esistono evidenze che lo stress ossidativo possa giocare un ruolo nella sindrome metabolica.
Lo stress ossidativo, un meccanismo biochimico che può causare danni cellulari, risulta da uno squilibrio tra un’eccessiva quantità di ossidanti e una diminuzione delle difese antiossidanti.
Lo stress ossidativo ha un ruolo anche nell'invecchiamento.

Gli antiossidanti, che si trovano naturalmente in frutta, verdura, legumi e frutta secca, includono la Vitamina-E e la Vitamina-C, Selenio e carotenoidi, come il Beta-carotene.
Ricerche precedenti hanno dimostrato che gli antiossidanti possono prevenire i danni ossidativi alle cellule, e in alcuni casi anche contribuire alla riparazione del danno.

In questo studio, ricercatori dell’Università cattolica del Sacro Cuore di Roma hanno analizzato gli effetti degli antiossidanti, contenuti nella dieta, sull’insulino-resistenza.
Lo studio ha coinvolto 16 uomini e 13 donne, tra i 18 ei 66 anni, obesi e insulino-resistenti, ma non ancora diabetici.

I soggetti sono stati assegnati in modo casuale ad uno di quattro gruppi di trattamento. Tutti i gruppi hanno assunto una dieta a basso contenuto calorico, di tipo mediterraneo, con in media 1500 calorie al giorno, contenente solo il 25% delle proteine alimentari, con il resto composto da carboidrati a basso indice glicemico.

Il gruppo A ha mangiato solo questo tipo di dieta, il gruppo B ha mangiato la stessa dieta e in più ha preso il farmaco Metformina. Per i gruppi C e D, i ricercatori hanno prescritto una dieta arricchita di antiossidanti, con un apporto calcolato da 800 a 1000 mg al giorno, provenienti da frutta e verdura, ma il gruppo D ha anche preso la Metformina.

Nonostante la perdita di peso simile in tutti i gruppi, solo i due gruppi che hanno ricevuto la dieta antiossidante ( gruppi C e D ) hanno avuto una significativa diminuzione nella resistenza all'insulina. Il gruppo D ha avuto il maggiore miglioramento nella resistenza all'insulina su alcune misure della risposta insulinica a un test orale di tolleranza al glucosio.

I soggetti non hanno segnalato effetti avversi dovuti alla dieta con antiossidanti. Riguardo al rischio di aggiungere più antiossidanti in una dieta, sembra che un livello di antiossidanti totali tra 800 e 1000 mg al giorno sia sicuro e probabilmente non vicino al livello massimo tollerabile. ( Xagena2010 )

Fonte: The Endocrine Society, 2010


Endo2010 Farma2010

Altri articoli