L’assunzione di antiossidanti riduce il rischio di degenerazione maculare senile


La degenerazione maculare senile è la principale causa di cecità irreversibile nei Paesi sviluppati.

Recentemente, la supplementazione ad alto dosaggio con beta-Carotene, Vitamina C, Vitamina E e Zinco ha mostrato di rallentare la progressione della degenerazione maculare associata all’età.

Ricercatori olandesi hanno verificato se la regolare assunzione con la dieta di antiossidanti fosse associata ad un più basso rischio di degenerazione maculare senile.

I dati sono stati ricavati dallo studio Rotterdam ( 1990-1993 ).
Il periodo di follow-up ( osservazione ) è terminato nel 2004.

Delle 5.836 persone che, al basale, erano a rischio di degenerazione maculare, per 4.765 erano disponibili i dati riguardanti la dieta e per 4.170 persone erano noti i dati del follow-up.

La degenerazione maculare senile si è sviluppata in 560 partecipanti nel corso di un periodo osservazionale medio di 8 anni.

L’assunzione con la dieta sia di vitamina E che di Zinco era inversamente associata allo sviluppo della degenerazione maculare senile.

L’assunzione di tutti e 4 i nutrienti ( beta-Carotene, Vitamina C, Vitamina E e Zinco ) era associata ad una riduzione del rischio del 35% ( HR = 0.65 ) di sviluppare degenerazione maculare senile.

Lo studio ha dimostrato che un’alta assunzione con la dieta di beta-Carotene, Vitamina C, Vitamina E e Zinco è associata ad un ridotto rischio di degenerazione maculare senile nei pazienti anziani. ( Xagena2005 )


Oftalm2005

Altri articoli