Tossicità dei farmaci antimalarici


La malaria resta una delle più importanti malattie infettive al mondo.

Malgrado la sua diminuzione di efficacia contro il Plasmodium falciparum , uno degli agenti responsabili della malaria , la Clorochina continua ad essere ampiamente usata per il suo basso costo e per la sua buona tollerabilità.

Inoltre, la Clorochina rimane il farmaco di prima scelta per il trattamento della malaria contratta attraverso Plasmodium vivax . br>
L’evento avverso più comune dopo assunzione di Clorochina è il prurito.

Nell’ambito della profilassi, la Clorochina viene impiegata, di norma, in combinazione con il Proguanile.
Tale combinazione di farmaci è generalmente ben tollerata, ma ulcere della bocca e disturbi gastrointestinali si manifestano più comunemente rispetto ad altri regimi profilattici.

La combinazione Sulfadoxina - Pirimetamina è ben tollerata nel trattamento della malaria e quando è impiegata in modo intermittente come prevenzione nelle donne africane in gravidanza.
Tuttavia Tale combinazione di farmaci non può essere impiegata a lungo per la possibile insorgenza di necrolisi tossica epidermica e di sindrome di Stevens Johnson.

La Meflochina resta un farmaco valido sia per la profilassi che per la terapia.
Grave tossicità neuropsichiatrica dose-correlata può manifestarsi, tant’è che la Meflochina è controindicata per quei pazienti con storia di epilessia o di malattie psichiatriche.

In molti Paesi la Chinina è il principale trattamento della forma grave di mal.
La tossicità cardiovascolare e del sistema nervoso centrale è riscontrabile raramente, mentre l’ipoglicemia è più comune e richiede il costante monitoraggio della glicemia.

L’Alofantrina non è adatta ad un ampio impiego a causa della sua potenziale cardiotossicità.

C’è un rinnovato interesse per due vecchi farmaci: la Primachina e l’Amodiachina.

La Primachina sta per essere sviluppata nella profilassi antimalarica.

L’Amodiachina, che è stata dimessa nell’uso profilattico a causa dell’insorgenza di neutropenia e di epatite, è potenzialmente un buon farmaco associato all’Artesunato, contro la malaria da Plasmodium falciparum.

L’Atovaquone associato al Proguanile è una nuova combinazione che ha dimostrato di essere efficace e ben tollerata sia nel trattamento che nella profilassi.

La classe di farmaci più importante che potrebbe avere un maggiore impatto sul controllo della malaria è rappresentata dai derivati dell’Artemisinina.
Questi farmaci presentano una notevole efficacia , associata ad un’eccellente sicurezza.
Nell’uomo non sono stati riscontrati effetti avversi dovuti al dosaggio e solo raramente sono state riportate reazioni allergiche.
La combinazione di un derivato dell’Artemisinina con altri farmaci antimalarici potrebbe rappresentare la strategia terapeutica ottimale per il trattamento della malaria. ( Xagena2004 )

Taylor W R et White N J, Drug Saf 2004; 27: 25-61



Inf2004 Farma2004

Altri articoli