Inibizione precoce dell’enzima di conversione dell'angiotensina con Ramipril dopo trapianto di cuore


La vasculopatia da allotrapianto cardiaco rimane una delle principali cause di mortalità dopo trapianto di cuore.
Gli inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina ( ACE inibitori ) possono ritardare lo sviluppo di vasculopatia da allotrapianto cardiaco ma non sono stati ben studiati dopo trapianto cardiaco.

Sono state testate la sicurezza e l'efficacia dell’ACE inibitore Ramipril ( Triatec ) sullo sviluppo di vasculopatia da allotrapianto cardiaco precocemente dopo trapianto di cuore in uno studio prospettico, multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo; 96 pazienti destinatari di trapianto cardiaco sono stati randomizzati a sottoporsi a terapia con Ramipril o placebo.

Hanno subito angiografia coronarica, test di funzionalità endoteliale; misurazioni della riserva frazionale di flusso ( FFR ) e della riserva di flusso coronarico ( CFR ) e dell'indice di resistenza microcircolatoria ( IMR ); ultrasonografia intravascolare ( IVUS ) dell'arteria coronaria discendente anteriore sinistra, entro 8 settimane da trapianto di cuore.

A 1 anno, la valutazione invasiva è stata ripetuta.
Le cellule progenitrici endoteliali circolanti sono state quantificate al basale e a 1 anno.

I volumi delle placche a 1 anno erano simili tra i gruppi Ramipril e placebo ( 162.1 mm3 vs 177.3 mm3, rispettivamente, P=0.73 ).
I pazienti trattati con Ramipril hanno mostrato un miglioramento della funzionalità microvascolare come dimostrato da una significativa riduzione della resistenza microcircolatoria ( da 21.4 a 14.4, P=0.001 ) e aumento di riserva di flusso coronarico ( da 3.8 a 4.8; P=0.017 ), dal basale a 1 anno.

Ciò non si è verificato con la resistenza microcircolatoria ( da 17.4 a 21.5, P=0.72 ) o riserva frazionale di flusso ( da 4.1 a 4.1, P=0.60 ) nei pazienti trattati con placebo.

Le cellule progenitrici endoteliali sono diminuite significativamente a 1 anno nel gruppo placebo ma non nel gruppo Ramipril.

In conclusione, Ramipril non rallenta lo sviluppo del volume della placca epicardica, ma stabilizza i livelli delle cellule progenitrici endoteliali e migliora la funzione microvascolare, che è stata associata a una migliore sopravvivenza a lungo termine dopo trapianto di cuore. ( Xagena2017 )

Fearon WF et al, J Am Coll Cardiol 2017; 69: 2832-2841

Chiru2017 Cardio2017 Farma2017

Altri articoli