Pazienti con sindrome coronarica acuta sottoposti ad angioplastica: risultati misti per la Bivalirudina


I pazienti con sindrome coronarica acuta sottoposti ad angioplastica che hanno ricevuto la Bivalirudina ( Angiox, Angiomax ), un farmaco anticoagulante, non hanno mostrato miglioramenti significativi in entrambi gli endpoint co-primari ( un composito di mortalità, infarto miocardico o ictus a 30 giorni, un composito di mortalità, infarto miocardico, ictus più sanguinamento maggiore ), rispetto ai pazienti sottoposti a terapia anticoagulante tradizionale.
Tuttavia, la Bivalirudina è risultata associata a tassi significativamente più bassi di complicanze emorragiche e di mortalità, due endpoint secondari dello studio.

Secondo gli autori, il fatto che non siano stati raggiunti gli endpoint compositi co-primari è probabilmente dovuto all’elevata prevalenza di infarti del miocardio, che si sono verificati in circa l’8.5% dei pazienti in entrambi i gruppi e probabilmente ha diluito i benefici riflessi nei tassi di mortalità e sanguinamento.

I pazienti del gruppo di controllo hanno assunto come anticoagulante l’Eparina non-frazionata, e a discrezione del medico, anche gli inibitori della glicoproteina IIb/IIIa, un'altra classe di anticoagulanti.

E’stata riscontrata una marcata riduzione del sanguinamento tra i pazienti trattati con Bivalirudina, rispetto al controllo; questo probabilmente può aver contribuito alla riduzione della mortalità in questo gruppo.

Lo studio, denominato MATRIX ( Minimizing Adverse Hemorrhagic Events by Transradial Access Site and Systemic Implementation of AngioX Program ), ha riguardato oltre 7.200 pazienti sottoposti ad angioplastica presso 78 ospedali in quattro Paesi europei.
I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a Bivalirudina o a terapia anticoagulante standard ( Eparina non-frazionata ).
Tutti i partecipanti presentavano sindrome coronarica acuta, una condizione che include i due tipi di infarto miocardico ( infarto con sopraslivellamento ST [ STEMI ] e infarto senza sopraslivellamento ST [ NSTEMI ] ) e l’angina instabile.

La Bivalirudina era associata a un tasso significativamente più basso di mortalità, presentatasi nell’1.7% dei pazienti trattati con Bivalirudina e nel 2.3% dei pazienti del gruppo controllo.
Tale riduzione è probabilmente il risultato di un tasso significativamente inferiore di complicanze emorragiche, osservate nell’1.4% tra i pazienti trattati con Bivalirudina e nel 2.5% tra i pazienti del gruppo controllo.

Finora, gli studi che hanno valutato la Bivalirudina hanno fornito risultati controversi.
I ricercatori dello studio MATRIX hanno permesso ai cardiologi interventisti di decidere se dare inibitori della glicoproteina IIb/IIIa come complemento alla Eparina non-frazionata nei pazienti di controllo, mentre gli studi precedenti richiedevano o proibivano l'uso di questi farmaci.

Gli inibitori della glicoproteina IIb/IIIa sono stati utilizzati in circa un quarto dei pazienti di controllo nello studio MATRIX, a discrezione dell'operatore.

I partecipanti allo studio hanno presentato un tasso di eventi avversi più alto del previsto a causa del loro profilo di rischio elevato. ( Xagena2015 )

Fonte: American College of Cardiology ( 2015 ) Meeting, 2015

Cardio2015 Farma2015

Altri articoli