Screening seriale a lungo termine per aneurismi intracranici in individui con una storia familiare di emorragia subaracnoidea da aneurisma


Individui con due o più parenti di primo grado che hanno avuto una emorragia subaracnoidea da aneurisma presentano un aumento del rischio di aneurismi o di emorragia subaracnoidea da aneurisma.

Uno studio ha valutato i risultati di uno screening seriale nel lungo periodo per aneurismi intracranici in questi soggetti.

Nello studio di coorte, ricercatori dell’University Medical Centre di Utrecht ( Olanda ) hanno revisionato i risultati dello screening per il periodo 1993-2013, di individui con una storia familiare positiva per emorragia subaracnoidea da aneurisma ( due o più parenti di primo grado che avevano presentato una di queste emorragie o aneurismi intracranici senza rottura ).

L’angiografia con risonanza magnetica, o l’angio-TC, è stata effettuata tra le età di 16-18 anni e 65-70 anni.

Dopo un risultato negativo allo screening, è stato consigliato agli individui di contattare i medici dopo 5 anni, senza nuove chiamate attive per ripetere lo screening.

È stata registrata la storia familiare di aneurismi intracranici con o senza rottura, storia di abitudine al fumo, ipertensione, precedenti aneurismi, date e risultati dello screening.

Sono stati identificati i fattori di rischio per gli screening iniziali e di follow-up positivi con analisi di regressione a variabile unica o multipla.

Sono stati identificati aneurismi in 51 ( 11% ) soggetti su 458 al primo screening, in 21 ( 8% ) su 261 al secondo screening, in 7 ( 5% ) su 128 al terzo screening e in 3 ( 5% ) su 63 al quarto screening.

Cinque ( 3% ) dei 188 individui senza una storia di aneurisma e con 2 screening negativi hanno mostrato un aneurisma de-novo allo screening di follow-up.

Fumo ( odds ratio, OR=2.7 ), storia di precedenti aneurismi ( OR=3.9 ) e storia familiare di aneurismi ( OR=3.5 ) sono risultati fattori di rischio significativi per aneurismi al primo screening nella analisi a variabili multiple.

La storia di precedenti aneurismi è risultato essere il solo fattore di rischio significativo per aneurismi allo screening di follow-up ( hazard ratio, HR=4.5 ).

Aneurismi sono stati identificati in 6 ( 5% ) dei 129 individui che sono stati sottoposti a screening prima dell’età di 30 anni.

Un paziente ha sviluppato un aneurisma de-novo che si è rotto 3 anni dopo l’ultimo screening negativo.

In conclusione, in individui con una storia familiare di emorragia subaracnoidea da aneurisma, la resa dello screening a lungo termine è notevole anche dopo oltre 10 anni di follow-up e 2 screening iniziali negativi. ( Xagena2014 )

Bor AS et al, Lancet Neurol 2014; 13: 385-392

Neuro2014


Altri articoli