Anastrozolo versus Tamoxifene nelle donne in postmenopausa con carcinoma duttale in situ sottoposte a lumpectomia più radioterapia


Il carcinoma duttale in situ è attualmente gestito con escissione, radioterapia e terapia ormonale adiuvante, di solito Tamoxifene.
Si è ipotizzato che un inibitore dell'aromatasi possa essere più sicuro e più efficace. È stato quindi intrapreso uno studio per confrontare Anastrozolo ( Arimidex ) rispetto a Tamoxifene nelle donne in postmenopausa con carcinoma duttale in situ sottoposte a lumpectomia più radioterapia.

Lo studio in doppio cieco, randomizzato, di fase 3 National Surgical Adjuvant Breast and Bowel Project ( NSABP ) B-35 è stato effettuato in 333 Centri partecipanti a NSABP negli Stati Uniti e in Canada.
Donne in postmenopausa con carcinoma duttale ormono-positivo in situ trattate con lumpectomia parziale con margini di resezione chiari e irradiazione di tutto il seno sono state arruolate e assegnate in modo casuale a ricevere Tamoxifene per via orale 20 mg al giorno ( con placebo al posto di Anastrozolo ) oppure Anastrozolo per via orale 1 mg al giorno ( con placebo al posto di Tamoxifene ) per 5 anni.

La randomizzazione è stata stratificata in base all'età ( meno di 60 anni vs 60 anni e oltre ) e le pazienti e i medici erano a conoscenza dell’allocazione del trattamento.

L'esito primario era l’intervallo libero da tumore al seno, definito come tempo dalla randomizzazione a qualsiasi evento di cancro al seno ( recidiva locale, regionale, o distante, o carcinoma mammario controlaterale, malattia invasiva, o carcinoma duttale in situ ).

Tra il 2003 e il 2006, sono state arruolate 3.104 pazienti eleggibili e sono state assegnate in modo casuale a due gruppi di trattamento ( 1.552 a Tamoxifene e 1.552 ad Anastrozolo ).

Dal 2015, le informazioni di follow-up erano disponibili per 3.083 pazienti per la sopravvivenza totale e per 3.077 pazienti per tutti gli altri endpoint liberi da malattia, con follow-up mediano di 9.0 anni.

In totale, si sono verificati 212 eventi di intervallo libero da tumore alla mammella: 122 nel gruppo Tamoxifene e 90 nel gruppo Anastrozolo ( hazrd ratio, HR 0.73, P=0.0234 ).

Una significativa interazione tra tempo e trattamento ( P=0.0410 ) è diventata evidente più avanti nello studio.

C'è stata anche una significativa interazione tra trattamento e fascia di età ( P=0.0379 ), che ha dimostrato che Anastrozolo è superiore solo nelle donne di età inferiore a 60 anni.

Gli eventi avversi non differivano tra i gruppi, tranne che per trombosi o embolia, un noto effetto collaterale del Tamoxifene, per le quali ci sono stati 17 eventi di grado 4 o peggiore nel gruppo Tamoxifene contro 4 nel gruppo Anastrozolo.

Rispetto a Tamoxifene, il trattamento con Anastrozolo ha fornito un significativo miglioramento dell’intervallo libero da cancro al seno, soprattutto nelle donne di età inferiore a 60 anni.
Questo risultato significa che le donne potranno beneficiare di una scelta tra farmaci efficaci per il carcinoma duttale in situ. ( Xagena2016 )

Margolese RG et al, Lancet 2016; 387: 849-856

Onco2016 Gyne2016 Chiru2016 Farma2016

Altri articoli