Interruzione di Amantadina nei pazienti discinetici con malattia di Parkinson


Lo studio AMANDYSK è stato progettato per valutare l'efficacia a lungo termine del trattamento cronico con Amantadina ( Mantadan ) nei pazienti con malattia di Parkinson e discinesia indotta da Levodopa.

Lo studio, randomizzato, multicentrico, in doppio cieco, controllato con placebo, di 3 mesi, a gruppi paralleli, con wash-out, è stato condotto su 57 pazienti discinetici con malattia di Parkinson trattati con Amantadina ( maggiore o uguale a 200 mg/die per 6 o più mesi ).

L'esito primario era il cambiamento dal basale in un sottopunteggio di discinesia alla scala UPDRS ( Unified Parkinson Disease Rating Scale ) ( 32 item, durata; 33 item, gravità ).
Gli esiti secondari includevano altre misure di discinesia indotta da Levodopa ( analisi dei responder, abbandono prematuro per discinesia indotta da Levodopa, scala AIMS [ Abnormal Involuntary Movement Scale ] ).

I risultati esplorativi hanno incluso il tempo con discinesia misurata dai diari, scala UPDRS Motor Examination ( parte III ) per i sintomi motori di malattia di Parkinson e punteggi di affaticamento e apatia per i sintomi non-motori.

E’ stato riscontrato un maggiore peggioramento alla scala UPDRS 32 + 33 item nei pazienti passati a placebo ( gruppo di sospensione ) ( +1.7 unità ) rispetto a quelli rimasti in trattamento con Amantadina ( gruppo di continuazione ) ( +0.2 unità; P=0.003 ).

Gli esiti secondari hanno confermato questa differenza perché ci sono stati significativamente molti più responder, più abbandoni per discinesia indotta da Levodopa, maggiore aumento del periodo di miglioramento ( ON time ) con discinesia e maggiore peggioramento del punteggio alla scala AIMS nel gruppo che ha interrotto il trattamento.

Non ci sono state differenze tra i gruppi nella scala UPDRS Motor Examination, mentre i punteggi di apatia ( misurata dalle persone addette alla cura del paziente ) e fatica tendevano a peggiorare maggiormente nei pazienti randomizzati a placebo.

In conclusione, il wash-out di Amantadina nei pazienti discinetici con malattia di Parkinson ha notevolmente peggiorato la discinesia indotta da Levodopa.
Nessun effetto significativo è stato osservato sui sintomi parkinsoniani motori, mentre i risultati sperimentali hanno indicato che Amantadina potrebbe migliorare l'apatia e l’affaticamento in tali pazienti.

Questo studio ha fornito una prova di Classe II che nei pazienti con malattia di Parkinson, l’interruzione della Amantadina aggrava notevolmente la discinesia indotta da Levodopa in un tempo medio di 7 giorni. ( Xagena2014 )

Ory-Magne F et al, Neurology 2014; 82: 300-307

Neuro2014 Farma2014

Altri articoli