Confronto tra l'efficacia di Secukinumab e di Adalimumab sugli endpoint cutanei nell'artrite psoriatica: risultati a 52 settimane dello studio EXCEED


L'artrite psoriasica è una malattia eterogenea che comprende manifestazioni muscolo-scheletriche e dermatologiche, in particolare la psoriasi a placche.
Secukinumab ( Cosentyx ), un inibitore di IL-17A, ha fornito risposte PASI 75/100 significativamente maggiori in uno studio testa a testa rispetto a Etanercept, un inibitore del TNF, in pazienti con psoriasi a placche da moderata a grave.

L'obiettivo dello studio EXCEED era di indagare se Secukinumab fosse superiore ad Adalimumab ( Humira ), un inibitore del TNF, come monoterapia nei pazienti con artrite psoriasica attiva, naive-ai -biologici, con psoriasi a placche attiva ( definita almeno una placca psoriasica di diametro maggiore o uguale a 2 cm o alterazioni delle unghie compatibili con psoriasi o anamnesi documentata di psoriasi a placche ).

Sono stati riportati i risultati cutanei pre-specificati dello studio EXCEED nel sottogruppo di pazienti con almeno il 3% di superficie corporea ( Body Surface Area; BSA ) affetta da psoriasi al basale.

Nello studio testa a testa, fase 3b, randomizzato, in doppio cieco, con controllo attivo, multicentrico, a gruppi paralleli, i pazienti sono stati randomizzati a ricevere Secukinumab 300 mg per via sottocutanea al basale, settimana 1-4, seguita da un dosaggio ogni 4 settimane ( Q4W ) fino alla settimana 48 o Adalimumab 40 mg per via sottocutanea al basale seguita dallo stesso dosaggio Q2W fino alla settimana 50.

L'endpoint primario era la superiorità di Secukinumab versus Adalimumab sulla risposta ACR20 alla settimana 52.
Gli esiti pre-specificati includevano la percentuale di pazienti con risposta ACR50 e PASI 100 combinata, una risposta PASI 100 e un punteggio PASI assoluto uguale o inferiore a 3.

853 pazienti sono stati randomizzati a ricevere Secukinumab ( n = 426 ) o Adalimumab ( n = 427 ). Al basale, c'erano 215 e 202 pazienti con almeno il 3% di BSA affetti da psoriasi, rispettivamente, nei gruppi Secukinumab e Adalimumab.

Una percentuale più alta di pazienti ha ottenuto un miglioramento simultaneo della risposta ACR50 e PASI 100 con Secukinumab versus Adalimumab ( 30.7% vs 19.2%; P = 0.0087 ).

È stata dimostrata una maggiore efficacia per Secukinumab versus Adalimumab per le risposte PASI 100 e per la percentuale di pazienti che hanno raggiunto un punteggio PASI assoluto inferiore o uguale a 3.

In conclusione, in questa analisi pre-specificata, Secukinumab ha fornito risposte più elevate rispetto ad Adalimumab nel raggiungimento del miglioramento simultaneo della malattia articolare e della pelle ( risposta combinata ACR50 e PASI 100 ) e negli endpoint specifici della cute ( PASI 100 e punteggio PASI minore o uguale a 3 ) alla settimana 52. ( Xagena2020 )

Fonte: European League Against Rheumatism - EULAR, 2020

Reuma2020 Dermo2020 Farma2020

Altri articoli