Efficacia di Acido Polilattico nella lipoatrofia associata ad HIV


La sindrome della lipodistrofia è associata all’impiego della terapia antiretrovirale altamente attiva ( HAART ), a base di inibitori della proteasi o di inibitori nucleosidici della trascrittasi inversa ( NRTI ).

Il 15%-80% dei pazienti su HAART sviluppa lipoatrofia facciale, nell’arco di 10 mesi dall’inizio della terapia.

Attualmente, nessuna strategia di trattamento ottimale è emersa.
Molti pazienti affetti da HIV vanno incontro a stress psicosociale che porta a depressione e ad isolamento.

La maggior parte dei riempitori del tessuto molle sembrano essere ben tollerati.
Tuttavia, sono possibili reazioni varie, così come le reazioni allergiche, le infezioni e i noduli granulomatosi infiammatori e allergici.

L’Acido Poli-L-Lattico ( Acido Polilattico, PLA ) è attualmente usato in Europa ed è stato approvato dall’FDA ( Food and Drug Administration ) negli Stati Uniti per il riempimento dei tessuti molli nei casi di lipoatrofia facciale associata all’infezione da HIV.

Ricercatori del Center for Dermatology and Dermatologic Surgery di Washington hanno determinato la sicurezza e l’efficacia dell’Acido Polilattico per incrementare lo strato dermico nella lipoatrofia facciale nei pazienti immunocompromessi infettati da HIV, che si sono sottoposti precedentemente a terapia HAART.

Un totale di 61 soggetti immunocompromessi, pazienti maschi affetti da HIV ( 52 bianchi, 7 afro-americani, 1 latino e 1 asiatico ) è stato sottoposto a sedute multiple di trattamento con Acido Polilattico per un periodo di 5 mesi per il trattamento della lipoatrofia facciale.

Dopo 6 mesi di follow-up, tutti i 61 pazienti immunocompromessi con HIV hanno riportato esito favorevole, definito come pelle liscia con meno concavità e depressioni e miglioramento generale dell’aspetto, in media dopo 3 sedute di trattamento.

Sebbene tutti i pazienti siano stati soddisfatti dei risultati, 2 pazienti hanno sviluppato persistenti papule asintomatiche, intradermiche, palpabili, a livello della regione infraorbitale, come risultato della localizzazione e della concentrazione dell’Acido Polilattico.

Nel follow-up di lungo periodo ( 18 mesi ), il 79% ( n = 48 ) dei pazienti ha richiesto una media di 3 sedute per raggiungere l’incremento desiderato ed il 21% ( n = 13 ) ha richiesto ulteriori sedute di trattamento oltre le 3 iniziali.

Sebbene il paziente e i medici abbiano considerato il livello di miglioramento come “eccellente��?, il desiderio di ulteriori miglioramenti dermici è stato puramente soggettivo.

In generale, le procedure sono state ben tollerate, senza sviluppo di reazioni avverse.

L’impiego di Acido Polilattico per il trattamento della lipoatrofia facciale ha portato a miglioramenti significativi e di lunga durata nei pazienti con infezione da HIV.
L’effetto è risultato durevole, fino a 2 anni in alcuni pazienti, e dipendente dal periodo di inizio del trattamento.
Non sono stati segnalati casi di infezione, allergie o di gravi reazioni avverse.( Xagena2005 )

Burgess CM, Quiroga RM, J Am Acad Dermatol 2005 ; 52 : 233

Inf2005 Dermo2005 Farma2005

Altri articoli