Studio OMEMI: gli Acidi grassi Omega-3 non riducono gli eventi cardiovascolari e la mortalità negli anziani sopravvissuti a infarto miocardico


Gli Acidi grassi Omega-3 non hanno prodotto nei pazienti più anziani con precedente infarto miocardico riduzioni negli eventi cardiovascolari successivi o nella mortalità.

In passato una elevata assunzione di Acidi grassi polinsaturi Omega-3 di origine marina si riteneva essere associata a un rischio ridotto di successivi eventi cardiovascolari.
Mancano studi che dimostrino l'impatto di questo intervento sugli anziani, una popolazione vulnerabile.

Ricercatori hanno ipotizzato che un integratore alimentare contenente 1.8 g di Acidi grassi polinsaturi Omega-3 di origine marina possa ridurre il rischio di infarto miocardico.

Lo studio multicentrico, randomizzato, controllato con placebo, in doppio cieco, ha incluso 505 pazienti nel braccio di trattamento attivo e 509 pazienti trattati con placebo.
I partecipanti idonei avevano un'età compresa tra 70 e 82 anni ( età media, 75 anni; 29% donne ) e avevano sofferto di infarto miocardico da 2 a 8 settimane prima dell'arruolamento.
Il tempo di follow-up predefinito per tutti i pazienti era di 2 anni.

L'endpoint primario era un composito di infarto miocardico non-fatale, rivascolarizzazione non-programmata, ictus, ospedalizzazione per scompenso cardiaco o morte per qualsiasi causa.
L'endpoint secondario chiave era la fibrillazione atriale di nuova insorgenza, mentre il sanguinamento maggiore era il principale risultato di sicurezza.
I ricercatori hanno anche condotto una valutazione dell'aderenza degli Acidi grassi sierici Eicosapentaenoico / Docosaesaenoico ( EPA / DHA ) prima e dopo l'intervento.

Non è stata riscontrata differenza tra i bracci dello studio nell'outcome composito primario ( hazard ratio, HR = 1.07; IC 95%, 0.82-1.4; P = 0.62 ).
Non c'erano differenze anche nella mortalità per qualsiasi causa ( HR = 1.01; IC 95%, 0.6-1.71; P = 0.97 ).

E' stata riscontrata una tendenza verso un rischio elevato di fibrillazione atriale nel gruppo degli Acidi grassi Omega-3 ( HR = 1.84; IC 95%, 0.98-3.44; P = 0.06 ).

Le misurazioni sieriche di EPA / DHA erano disponibili per l'87% della coorte e sono a sostegno di una buona aderenza al trattamento.

In conclusione, gli Acidi grassi Omega-3 non hanno ridotto gli eventi cardiovascolari o la morte nei pazienti anziani dopo infarto del miocardio. ( Xagena2020 )

Fonte: American Heart Association ( AHA ) Virtual Meeting, 2020

Cardio2020 Farma2020

Altri articoli