Pazienti anziani con infarto miocardico: gli Acidi grassi Omega-3 non migliorano gli esiti


L'aggiunta di Acidi grassi Omega-3 alle terapie standard per la prevenzione secondaria non migliora gli esiti nei pazienti anziani che hanno sofferto in tempi recenti di un infarto miocardico.

Nel corso di 2 anni, il tasso di esito composito primario ( infarto miocardico non-fatale, rivascolarizzazione non-programmata, ictus, ospedalizzazione per insufficienza cardiaca o morte per tutte le cause ) è stato del 21.4% nei pazienti che hanno ricevuto Acidi grassi Omega-3 e del 20.0% nei pazienti che hanno ricevuto un placebo a base di olio di mais ( hazard ratio, HR=1.07; IC 95%, 0.82-1.41 ).

Non sono state riscontrate differenze tra i gruppi per nessuno dei singoli componenti dell'endpoint composito, ma c'era un tasso numericamente più alto di fibrillazione atriale di nuova insorgenza nel gruppo olio di pesce ( 7.2% vs 4.0%; HR 1.84; IC 95%, 0.98-3.45 ).

I risultati non forniscono supporto ai preparati a base di Acidi grassi Omega-3 per la prevenzione secondaria nei pazienti anziani.

Dopo un infarto del miocardio acuto, i pazienti più anziani rimangono a più alto rischio di esiti avversi rispetto alle loro controparti più giovani.
Lo studio OMEMI si è posto l'obiettivo di verificare se gli Acidi grassi Omega-3 hanno il potenziale di offrire protezione cardiovascolare senza danni significativi nei pazienti anziani potenzialmente vulnerabili.

Hanno preso parte allo studio OMEMI 1.014 pazienti di età compresa tra 70 e 82 anni ( età media 74; 29% donne ) che avevano avuto un infarto miocardico da 2 a 8 settimane prima della randomizzazione.
Questi pazienti sono stati assegnati a ricevere Acidi grassi Omega-3 di origine marina alla dose di 1.8 g/giorno ( contenenti 930 mg di Acido Eicosapentaenoico [ EPA ] e 660 mg di Acido Docosaesaenoico [ DHA ] ) oppure olio di mais come placebo.

Prima dell'infarto miocardico indice, il 46% dei pazienti aveva una storia di malattia cardiovascolare. La maggior parte dei pazienti assumeva statine ( 96% ), doppia terapia antipiastrinica ( 86% ) e antipertensivi ( 72% ) al basale, e un'alta percentuale ( 41% ) stava già assumendo un integratore di Acidi grassi Omega-3 o olio di fegato di merluzzo.

L'adesione auto-riportata al trattamento in studio è stata dell'88% in entrambi i gruppi e le misurazioni degli Acidi grassi sierici hanno confermato una buona aderenza.
Gli aumenti mediani di EPA e DHA sono stati dell'87% e del 16% nel gruppo olio di pesce, con diminuzioni rispettivamente del 13% e dell'8% osservate nel braccio di controllo.

Tuttavia, questo non si è tradotto in alcun beneficio clinico. La mancanza di qualsiasi differenza in termini di esito composito primario era coerente tra i sottogruppi e in un'analisi per protocollo.

Il principale risultato di sicurezza era il sanguinamento maggiore e non è stata riscontrata alcuna differenza tra il braccio olio di pesce e placebo ( 10.7% vs 11.0%; P = 0.87 ).

Nessun paziente ha interrotto il trattamento in studio a causa di sanguinamento.
Le ragioni più comuni per l'interruzione sono state l'ospedalizzazione per altre malattie che hanno influenzato la capacità di continuare, difficoltà a deglutire le capsule, e sintomi gastrointestinali non-specifici, che erano ben bilanciati tra i gruppi.

Lo studio GISSI-Prevenzione pubblicato nel 1999 aveva mostrato che l'integrazione con Acidi grassi Omega-3 e Vitamina-E aveva migliorato gli esiti dopo infarto miocardico.
Ma il trattamento dell'infarto miocardico è molto cambiato dopo due decenni; è stata introdotta la terapia intensiva con statine, il maggiore uso della rivascolarizzazione, la disponibilità di stent a rilascio di farmaci ( DES ) e l'uso di una più potente terapia antipiastrinica. ( Xagena2020 )

Fonte: American Heart Association ( AHA ) Virtual Meeting, 2020

Cardio2020 Endo2020 Farma2020

Altri articoli