Fatigue, infiammazione e assunzione di Acidi grassi Omega-3 e Omega-6 in donne sopravvissute a carcinoma alla mammella


Alcuni dati suggeriscono che l’infiammazione potrebbe essere alla base della fatigue nelle pazienti sopravvissute a cancro.

Ricerche nella popolazione sana hanno mostrato una ridotta infiammazione con una assunzione alimentare più elevata di Acidi grassi poli-insaturi ( PUFA ) Omega-3, che potrebbe potenzialmente ridurre la fatigue.

Uno studio ha valutato fatigue, infiammazione e assunzione di PUFA Omega-3 e Omega-6 tra le pazienti sopravvissute a tumore alla mammella.

Nello studio, 633 pazienti ( età media 56 anni, malattia di stadio da I a IIIA ) sopravvissuti a carcinoma alla mammella partecipanti allo studio Health, Eating, Activity, and Lifestyle ( HEAL ) Study hanno completato un questionario su frequenza di assunzione dei cibi / supplementi dietetici e hanno fornito un campione di sangue testato per proteina C-reattiva e amiloide A nel siero ( 30 mesi dopo la diagnosi ) e hanno completato la scala Piper Fatigue Scale e la scala di vitalità Short Form-36 ( SF-36 ) ( 39 mesi dopo la diagnosi ).

Analisi di covarianza e modelli di regressione logistica hanno valutato le relazioni tra infiammazione e fatigue, infiammazione e assunzione di Omega-3 e Omega-6 e assunzione di PUFA e fatigue, con il controllo per tre livelli incrementali di fattori confondenti.

La fatigue è stata analizzata in modo continuo ( scale Piper ) e dicotomico ( SF-36 vitalità, minore o uguale a 50 ).

I punteggi sulla scala comportamentale ( P=0.003 ) e sensoriale ( P=0.001 ) di fatigue sono risultati più alti con l’aumento del terzile di proteina C-reattiva; le relazioni sono risultate attenuate dopo aggiustamento per uso di farmaci e comorbilità.

Sopravvissuti con alti livelli di proteina C reattiva hanno mostrato un rischio di fatigue 1.8 volte più alto dopo aggiustamento completo ( P inferiore a 0.05 ).

Una assunzione più elevata di Omega-6 rispetto a Omega-3 è risultata associata a un più alto livello di proteina C-reattiva ( P = 0.01 dopo aggiustamento completo ) e a rischi più elevati di fatigue ( odds ratio, OR=2.6 per l’assunzione più alta versus l’assunzione più bassa; P inferiore a 0.05 ).

In conclusione, i risultati legano una assunzione più elevata di Omega-3, la diminuzione della infiammazione e la diminuzione degli aspetti fisici della fatigue.

Studi futuri dovrebbero valutare se la supplementazione con Omega-3 possa ridurre la fatigue tra le pazienti sopravvissute a cancro alla mammella con alti livelli di fatigue. ( Xagena2012 )

Alfano CM et al, J Clin Oncol 2012; 30: 1280-1287

Onco2012 Gyne2012 Farma2012